Home Cronaca Anzio, addio ai ‘quattro cantoni’. La Vignarola è salva

Anzio, addio ai ‘quattro cantoni’. La Vignarola è salva

121
0
SHARE
quattro cantoni
La Giunta De Angelis ha approvato la delibera per la revoca della delibera n. 110 del 2015, riferita alla distribuzione della cubatura in quattro cantoni nella tenuta Puccini. Il Sindaco De Angelis: “Impegno mantenuto a tutela dell’ambiente e del territorio”

Era un impegno preso con l’elettorato ed oggi è stato mantenuto: la delibera 110 del 2015 riferita alla distribuzione della cubatura nella riserva Puccini (spacchettamento della Vignarola) è stata ritirata. La Giunta, infatti, ha approvato l’atto che conferisce all’Unità Organizzativa Territorio ed Espropri dell’Ente, il mandato di comunicare alla società “Immobiliare La Pineta s.r.l.” – titolare dell’area – l’avvio del procedimento di revoca della deliberazione di Giunta Comunale n. 110 del 18/11/2015. Assegnando un termine di  quindici giorni per la presentazione delle relative osservazioni.

Il Piano regolatore, nella riserva Puccini o Vignarola prevede la realizzazione di un insediamento turistico ricettivo, a fronte della cessione alla Pubblica Amministrazione di aree per un totale di circa 60 ettari. La delibera 110 approvata dalla passata consiliatura aveva aperto la strada ad una suddivisione delle cubature in quattro aree; il che avrebbe compromesso la fruizione dell’ultimo polmone verde del territorio da parte della città.

“Era un impegno assunto con i cittadini – afferma il sindaco Candido De Angelis  – che, con la delibera di oggi, abbiamo mantenuto con l’obiettivo di tutelare e valorizzare le risorse ambientali, storiche e culturali della città di Anzio. Puntiamo a promuovere iniziative atte a recuperare e riqualificare il territorio e il paesaggio costiero, con l’ampliamento della Riserva Naturale Regionale di Tor Caldara. E con l’ottimale connessione tra la riserva stessa e l’area della Puccini – Vignarola”.

Nella delibera di avvio del procedimento di revoca si evidenzia che, comunque, resta valida la previsione del prg, con l’attribuzione alla proprietà del diritto alla cubatura stabilita in conformità alle prescrizioni del piano medesimo.