Home Cronaca Fuga dalla mensa scolastica: all’Istituto Comprensivo Anzio 1 gli alunni potranno portare...

Fuga dalla mensa scolastica: all’Istituto Comprensivo Anzio 1 gli alunni potranno portare le pietanze da casa

35
0

Il Consiglio d’Istituto del Comprensivo Anzio 1 che ha competenza sui plessi di via Ambrosini, Saragat e Quartiere Europa, ha ceduto alle pressioni dei molti genitori che chiedevano l’autorizzazione a far portare da casa ai figli le pietanze. La richiesta aveva fatto seguito alla contestazione della qualità e della quantità dei pasti della refezione scolastica servita agli alunni delle elementari e materna. Il Consiglio d’istituto ha dunque approvato un regolamento che consente ai bambini di mangiare in classe i pasti che le mamme avranno preparato a casa. A seguire la vicenda un legale che ha portato anche sentenze di Tar regionali favorevoli alla richiesta dei genitori. Per ora solo al Comprensivo Anzio 1 non usufruiranno della mensa scolastica ma portarono le pietanze da casa almeno cinquanta bambini.  Occorre capire se altri genitori seguiranno la stessa strada.

Il nuovo regolamento consiste “nell’accoglienza e nella sorveglianza ai pasti per gli alunni che, non usufruendo della refezione scolastica durante l’orario previsto, intendono consumare il proprio pasto portato da casa restando a scuola nel tempo mensa”. E ancora: “il pasto portato da casa – spiega l’articolo 3 del regolamento – dovrà essere composto da alimenti non facilmente deteriorabili e che non richiedono di essere riscaldati né conservati in frigo, dovrà pervenire a scuola, in porzione monodose, in apposito contenitore borsa termica, che il bambino potrà facilmente aprire in autonomia, corredato da quanto necessario per la consumazione e con etichetta Identificativa. Sarà cura dell’alunno/a tenerlo in classe dall’inizio delle lezioni e sarà consumato dall’alunno al momento della refezione. Il pasto non potrà essere recapitato all’alunno nel corso della giornata scolastica né da parte della famiglia né da parte dei servizi di ristorazione esterna”.