Home Redazionali Web
5
0
SHARE

Passione, competenza, professionalità e voglia di rimanere in continuo aggiornamento. Sono questi gli aspetti che caratterizzano l’attività portata avanti con entusiasmo dal Dottor Vincenzo Caputo, fisioterapista di Anzio che ha da poco inaugurato il proprio studio in via Nettunense, 109. Dalle parole di Vincenzo si comprende come la fisioterapia non sia per lui soltanto un lavoro, ma qualcosa di più che nasce da lontano: “A 16 anni – ci dice – mi sono fatto male giocando a pallone, frattura scomposta della tibia. Un incidente che avrebbe potuto compromettere il mio futuro, non solamente a livello sportivo. Fortunatamente non è stato così. Dopo un lungo periodo di convalescenza nessuno mi aveva consigliato di sottopormi a delle sedute di fisioterapia, ma su consiglio dei miei genitori io l’ho fatto ugualmente, riuscendo così a recuperare perfettamente dal mio infortunio. E’ in quei mesi che in me è scattato qualcosa, mi sono innamorato della fisioterapia ed ho capito cosa avrei voluto fare da grande”.
Grazie agli studi effettuati presso la Fondazione Santa Lucia, nel corso di laurea triennale in fisioterapia dell’Università di Roma Tor Vergata, il Dottor Vincenzo Caputo ha acquisito conoscenze approfondite nel campo della riabilitazione neurologica. Tale fattore gli permette di essere, ad oggi, uno dei pochi tra i professionisti in zona competente in questo specifico settore.
Dopo il conseguimento della laurea, Vincenzo ha iniziato la sua attività lavorativa in centri privati del nostro territorio, occupandosi principalmente di riabilitazione nel campo ortopedico, seguendo ad esempio pazienti nella fase post chirurgica e post traumatica.
Da tre anni il giovane fisioterapista collabora anche con la FISPES, la Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali. Attività non poco gratificante per un ragazzo di soli 28 anni, visto che si tratta di un mondo, quello sportivo, in cui la figura del fisioterapista assume notevole rilevanza, essendo considerato al pari di medici ed allenatori. Nel corso dei raduni organizzati dalla Federazione a cui Vincenzo prende parte, l’obiettivo principale è di preparare al meglio gli atleti per partecipare a manifestazioni importanti come i Campionati del Mondo ed i Campionati Europei.
Dietro lo studio CAPUTO FISIOTERAPIA si nascondono quindi diversi anni di attività svolta tra il campo neurologico e quello ortopedico ed un insieme di esperienze lavorative che non tutti hanno la fortuna di poter menzionare nel proprio curriculum. “Mi piace riconoscere nella mia attività tre aree: quella riabilitativa, quando la terapia è funzionale al recupero per chi ha subito un’operazione o traumi vari; quella sportiva, quindi finalizzata al recupero da infortuni o utile a chi svolge un’attività agonistica o amatoriale, infine quella del benessere, caratterizzata dall’intento di prevenire qualsiasi possibile problema futuro”.
Chi sceglie di rivolgersi allo studio CAPUTO FISIOTERAPIA potrà trovare assistenza per: la riabilitazione post traumatica, neurologica, post chirurgica, e sportiva. Inoltre, grazie alle conoscenze acquisite con appositi corsi certificati vengono effettuate: riabilitazioni posturali secondo il metodo “Mezieres”, terapie manuali secondo il “concetto Maitland”, applicazione di Kinesio Taping.
Lo studio è inoltre dotato di una serie di macchinari all’avanguardia funzionali allo svolgimento dell’attività fisioterapica: Tecarterapia, Laserterapia, Onde d’urto, Ultrasuoni, Magnetoterapia, Tens, Ionoforesi ed Elettrostimoazione.
Chiunque voglia ricevere attenzione, professionalità ed un programma riabilitativo personalizzato per riprendere in modo ottimale le proprie attività quotidiane ed avere una nuova consapevolezza del proprio corpo, può contattare il Dottor Vincenzo Caputo al 3791168092 (WhatsApp), su Facebook\ Instagram alla pagina @caputofisioterapia o per email a info@caputofisioterapia.it, oppure direttamente presso lo Studio CAPUTO FISIOTERAPIA sito in via Nettunense 109, Anzio. Tutte le informazioni sono indicate nel sito web www.caputofisioterapia.it.