Home Cultura Dipinto in bottiglia: ritrovata a Nettuno l’opera di Pino Cannatà

Dipinto in bottiglia: ritrovata a Nettuno l’opera di Pino Cannatà

603
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

di Marianna Aulicino

È accaduto a Nettuno il fortunato ritrovamento di una bottiglia contenente una delle opere del pittore Pino Cannatà, già membro in giovinezza della Scuola Romana di San Lorenzo, e attualmente uno tra i 7 artisti del mare più famosi al mondo, nonché dal 2001 direttore artistico per l’Italia della Fondazione Cousteau di Madrid. Ad avvistare il pezzo unico che brillava a filo d’acqua, è stato proprio un cittadino di Nettuno, Angelo Iantosca. “Nella mattinata del 30 luglio eravamo in mare, al ritorno da una battuta di pesca, a circa due miglia dalla costa di Nettuno quando sono stato catturato da qualcosa che luccicava nell’acqua – ha raccontato Iantosca – Così mi sono allungato e ho raccolto personalmente la bottiglia. Ho capito da subito che si trattava di un ritrovamento particolare ed ero davvero molto emozionato. Non appena ho letto il nome sulla bottiglia, ho contattato l’artista che si è dimostrato molto gentile e ci ha informato che il suo dipinto ormai era nostro”.

La bottiglia, dal titolo “Rosso Sandalo“, contiene un pezzo della vela dell’imbarcazione-studio di Pino Cannatà ed è stata esposta nel 2021 a Roma in occasione della mostra “Veleggiando“. L’opera era stata affidata al mare dal pittore alle 2 di notte del 18 luglio mentre stava navigando verso Olbia. Da quel momento ha percorso circa 80 miglia verso sud est prima di arrivare a Nettuno. Non è la prima volta che Cannatà decide di gettare in mare delle bottiglie contenenti le sue opere. Il suo primo esperimento risale infatti al 1998, quando lasciò in mare 10 bottiglie contenenti acquerelli, alcune non ancora ritrovate. Questa volta il caso ha voluto che la preziosa opera artistica fosse rinvenuta dopo pochissimi giorni, qui a Nettuno grazie allo sguardo attento del signor Iantosca. Un evento straordinario, che ha lasciato piacevolmente colpito anche lo stesso artista, tanto da dare la sua disponibilità per una mostra sul nostro territorio. Potete trovare l’articolo completo, con l’intervista esclusiva al pittore, sul cartaceo di questa settimana.