Home Cronaca Anzio, l’emergenza rifiuti sta rientrando lentamente: bonificato il litorale di Lavinio

Anzio, l’emergenza rifiuti sta rientrando lentamente: bonificato il litorale di Lavinio

108
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Sta rientrando lentamente l’emergenza rifiuti sul territorio del Comune di Anzio. Anche se restano delle criticità in alcune zone, la situazione sta tornando sotto controllo. Nelle ultime ore è stato bonificato il litorale di Lavinio Mare: dopo lungomare Enea, la scorsa notte è stata bonificata la passeggiata delle Sirene che era costellata da cumuli e cumuli di rifiuti.

“Finalmente ce l’hanno fatta – spiega infuriato un villeggiante – ma è stato assurdo vedere accumularsi questi sacchi di rifiuti per giorni e giorni senza che nessuno provvedesse a ritirarli“. Tanto è vero che in settimana alcuni residenti della passeggiata delle Sirene avevano presentato un esposto in procura. Sempre a Lavinio, restano delle criticità nel tratto di via di Valle Schioia tra il Centro ecumenico e la stazione ferroviaria. Nella zona del centro cittadino bonificata la discarica in piazza Cesare Battisti, mentre sono stati rimossi i rifiuti tra gli stabilimenti balneari Ondina e Tirrena; sullo slargo davanti alle scale del Paradiso sul mare resta invece una montagna di immondizia. Largo Bragaglia continua ad essere una discarica permanente: gli operatori ecologici non fanno in tempo a bonificarla che in poche ore vengono di nuovo ammassati decine e decine di sacchi di spazzatura indifferenziata.

Sulla riviera Mallozzi due situazioni critiche: permane il cumulo di rifiuti su piazzale Nassiriya, mentre proseguendo sulla riviera non sono stati ancora rimossi decine di sacchi che sono lì da più di una settimana, tanto da essere ricoperti da una rete per nasconderli alla vista di chi passa. Ma la pizza si sente.

Per quanto riguarda le zone periferiche, ancora problemi al largo Venezia al quartiere di Anzio Colonia dove i giardinetti sono dominati da una montagna di rifiuti. Proprio in queste ore il Comune sta cercando siti alternativi a quello di Frosinone per poter smaltire i rifiuti indifferenziati: un problema per Anzio che, in questo periodo, produce almeno 400 tonnellate a settimana di immondizia indifferenziata.