Home Cronaca Anzio, vertice sul nautico “Colonna”: riaprire la scuola a settembre a tutti gli alunni

Anzio, vertice sul nautico “Colonna”: riaprire la scuola a settembre a tutti gli alunni

59
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Quella che si è tenuta questa mattina presso la sede dell’ex Pretura di piazza Zemini ad Anzio che fino allo scorso giugno ha ospitato l’Istituto nautico “Marcantonio Colonna”, è stata una vera e propria conferenza dei servizi per fare il punto della situazione e stabilire una road map per la riapertura della scuola. Attualmente i 158 alunni dell’Istituto nautico – all’inizio dell’anno erano 226, ma molti hanno abbandonato – sono dislocati in dieci aule messe a disposizione della dirigente scolastica dei plessi dell’Istituto Gavio Apicio di Anzio e Nettuno.

All’incontro erano presenti il rappresentante della commissione straordinaria del Comune di Anzio Dottor Francesco Tarricone accompagnato dal responsabile della comunicazione Bruno Parente, la dirigente del Nautico, il dirigente dell’area tecnica del Comune Marco Pistelli, la dirigente dell’area pubblica istruzione Angela Santaniello, la responsabile dell’Ufficio scolastico regionale, l’architetto Claudio Dello Vicario dirigente di Città metropolitana e i rappresentanti della Asl. Al termine di un accurato sopralluogo è stata dettata la linea che prevede come sei aule e un laboratorio possano essere ospitate al primo piano della ex Pretura, mentre le altre quattro aule verrebbero dislocate provvisoriamente presso i plessi di via Nerone e via Filibeck del Gavio Apicio. Ma l’obiettivo finale è di riaprire a tutti gli studenti del nautico la sede di Piazza Dante Zemini a partire dal prossimo anno scolastico.

Crediamo a questa scuola – ha spiegato l’architetto Dello Vicario – e siamo pronti ad impegnare sul bilancio di previsione 2023 settecentomila euro per i lavori di sistemazione dell’istituto“.

Il problema resta legato allo sgombero dell’archivio dell’ex pretura che si trova nel piano seminterrato dell’edificio e che impedisce allo stesso di ospitare più di 99 studenti. Durante l’incontro è stata stilata una road map che prevede anzitutto, entro la fine del mese, lo sgombero dell’archivio a cura del Comune di Anzio. Una volta portata a termine questa operazione, Città metropolitana prenderà in carico attraverso un apposita convenzione l’edificio. A quel punto potrà procedere all’esecuzione di lavori minimi, per circa 30.000 mila euro, necessari per consentire la riapertura in sicurezza, entro i primi giorni di marzo, del primo piano dell’edificio dove sono state individuate le sei aule. La novità sta nel fatto che Città metropolitana è pronta a impegnare sul bilancio di previsione 2023 settecentomila euro, uno stanziamento importante per i lavori di messa a norma di tutto l’edificio, compreso il piano terra sul quale la Asl ha indicato delle prescrizioni che hanno impedito l’utilizzo di altre aule. Eseguiti i lavori al piano terra, alla fine dell’anno scolastico l’intervento sarà esteso anche alle aule del primo piano. “Ragionevolmente – ha spiegato il dirigente di Città metropolitana – pensiamo di poter consegnare con l’inizio del prossimo anno scolastico un istituto ristrutturato, sicuro e funzionale”.
Durante l’incontro il rappresentante della commissione straordinaria Dottor Francesco Tarricone ha chiesto il massimo impegno a tutte le parti affinché la sede del nautico “Colonna” possa riaprire a tutti gli studenti.