Home In evidenza Anzio, Lina Giannino sulla Commissione per il porto: “richiesta incoerente da chi...

Anzio, Lina Giannino sulla Commissione per il porto: “richiesta incoerente da chi ha votato tutti”

188
0
Lina Giannino

Mentre il sindaco di Anzio per il momento tace sulla scelta dei tre consiglieri fuoriusciti dalla maggioranza e dei tre consiglieri di Fratelli d’Italia di istituire una commissione di controllo sulla Capo d’Anzio e sul porto, arriva la bordata della capogruppo del Pd Lina Giannino. Che senza mezzi termini bolla come “incoerenti” i consiglieri, sopratutto quelli di Fratelli d’Italia, che hanno chiesto al sindaco la Commissione.
“Apprendo – scrive in una nota Lina Giannino – di un odg da presentare al prossimo consiglio comunale a firma di sei consiglieri di maggioranza con il quale gli stessi chiedono una commissione speciale per valutare e controllare come verrà spesa la fideiussione richiesta durante il consiglio del 15 dicembre scorso. Sinceramente resta sospetto questo Ammutinamento del Bounty ad opera di gruppi interni alla maggioranza fino a ieri favorevoli a tale rifinanziamento della Capo d Anzio. Vorrei ricordare – continua la consigliera del Pd – che la sottoscritta votò contro tale punto, mentre gli stessi consiglieri votarono a favore. Ci piacerebbe conoscere la posizione di tali personaggi all’interno della maggioranza, perché ci resta difficile capire il loro operato. E’ facile dire o votare provvedimenti in base al proprio giudizio soggettivo. La coerenza – prosegue Giannino – , vorrebbe, che dichiarassero apertamente il loro dissenso con l’uscita dei loro gruppi e la loro posizione in opposizione vera e non in quella di comodo. La città ha bisogno di risposte concrete, oggettive e non “se mi piace lo voto e se non è di mio gradimento non lo voto”. A noi – conclude la capogruppo del Partito democratico – sembra più una strumentalizzazione politica interna che poco ha a che fare con il bene del paese”.