Home Cronaca Nettuno, il consigliere Antonello Mazza fuori dalla maggioranza: lo certifica il sindaco...

Nettuno, il consigliere Antonello Mazza fuori dalla maggioranza: lo certifica il sindaco Coppola

104
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Era nell’aria da qualche giorno la rottura tra il sindaco di Nettuno Alessandro Coppola e il consigliere comunale di maggioranza Antonello Mazza che, sulla gestione dei piani di zona, era stato molto critico nei confronti della maggioranza, arrivando a chiedere le dimissioni dell’assessore ai Servizi sociali Maddalena Noce. Una presa di posizione tranciante, che ha spinto pochi minuti fa il sindaco Coppola a diramare una nota nella quale oltre a rinnovare la stima nei confronti dell’assessore Noce, di fatto mette fuori dalla coalizione il consigliere Mazza; per il sindaco non è più in linea con la maggioranza di centrodestra.
“La vicenda relativa alla posizione assunta da un consigliere di maggioranza – scrive il sindaco – non può esimermi dal far sentire pubblicamente la mia voce. Appare evidente come l’operato del Consigliere Antonello Mazza, sia nelle posizioni assunte in Consiglio Comunale, che attraverso le dichiarazioni rese sui social, appaia in contrasto con la linea condivisa nella maggioranza.
Ho avuto con lui un breve colloquio, ricevendo la sua manifestazione di disagio e difficoltà nel portare avanti il progetto che aveva prefigurato per questa città, mantenendo peraltro inalterata la stima ed il giudizio personale ed umano nei miei confronti. Pur cercando di comprendere la sua posizione – continua Coppola -, non riesco a condividerne i contenuti, soprattutto laddove viene criticato un assessore di questa Amministrazione il cui lavoro è stato intenso ed incessante ed il cui operato ritengo debba essere oggettivamente giudicato come fondamentale, corretto e apprezzabile.
Ad Antonello, cui va la mia vicinanza umana, auguro ogni bene nella sua nuova veste politica nella certezza che, anche in contrasto con la maggioranza che governa questa città, continui a lavorare per il bene di Nettuno”.