Home Cronaca Emergenza rifiuti: la Regione Lazio diffida la Rida Ambiente: “l’impianto non deve...

Emergenza rifiuti: la Regione Lazio diffida la Rida Ambiente: “l’impianto non deve essere chiuso”

2
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

La Regione Lazio ha diffidato la Rida Ambiente a chiudere l’impianto di Aprilia per il trattamento dei rifiuti indifferenziati urbani, palesando interruzione di pubblico servizio. La nota è del Direttore regionale del ciclo dei rifiuti ingegner Wanda D’Ercole. “Si ribadisce quanto già espresso reiteratamente nelle precedenti note e nell’ultima missiva… circa la non sussistenza dei presupposti per procedere all’interruzione del pubblico servizio di trattamento dei rifiuti urbani – scrive la dirigente – Pertanto si diffida codesto gestore dal sospendere, a far data da sabato 16/10/2021 compreso, come illegittimamente minacciato nella corrispondenza, il servizio di trattamento dei rifiuti urbani nei 54 Comuni oggi serviti, al fine di scongiurare l’interruzione della raccolta dei rifiuti urbani indifferenziati ed il conseguente danno per la salute collettiva e l’igiene pubblica”.
In assenza di accoglimento di quanto richiesto dalla Regione “ci si riserva di adottare – precisa la dirigente regionale – tutte le opportune iniziative a tutela della salute collettiva e dell’igiene pubblica”. Oltre alla Rida Ambiente la diffida è stata inviata per conoscenza ai sindaci dei 54 comuni – tra i quali Anzio e Nettuno – che conferiscono rifiuti presso l’impianto di Aprilia, alle Prefetture di Roma e Latina, alle Procure della Repubblica di Roma e Latina, al presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti e al ministero della Transizione ecologica.