Home Cronaca Anzio, appello di De Angelis sull’indifferenziato

Anzio, appello di De Angelis sull’indifferenziato

288
0

La situazione rifiuti ad Anzio si fa sempre più grave e sempre più emergenziale. Come se non bastassero i problemi già esistenti, si aggiunge l’improvvisa e imprevista chiusura dell’impianto presso cui l’amministrazione aveva l’intenzione di conferire i rifiuti indifferenziati durante il periodo di chiusura della Rida Ambiente di Aprilia.

Purtroppo anche nella giornata di oggi, martedì 27 luglio, per la Città di Anzio è chiuso l’impianto sostitutivo per il conferimento – ridotto – dei rifiuti indifferenziati. La situazione è al limite del collasso – ammette il sindaco Candido De Angelis – mi scuso con i cittadini ed i numerosi turisti per un’emergenza generata da chi, a livello regionale, ha la responsabilità di coordinare il piano regionale dei rifiuti e di dirci dove dobbiamo andare a conferire i rifiuti prodotti dalla cittadinanza e dalle attività commerciali, in piena stagione estiva e nel corso dell’emergenza pandemica“.

Il primo cittadino dopo aver scritto due volte al Prefetto di Roma, nella giornata di ieri, ha segnalato anche all’Asl Roma 6 i possibili rischi per la salute delle persone, vista la situazione emergenziale. In una situazione come questa al momento è importante ridurre al minimo la quota di indifferenziato, visto che per le altre tipoogie di rifiuto al momento non c’è lo stesso problema:

Ribadisco l’invito alla Cittadinanza tutta – conclude il Sindaco De Angelis – a differenziare il più possibile i rifiuti prodotti, limitando al minimo l’indifferenziato. Mai come in questo momento è necessario il massimo impegno di tutti, a cominciare dall’Amministrazione, dai cittadini e dalle categorie produttive“.

Non sarebbe neanche necessario ricordarlo, ma comunque va sottolineato che l’abbandono dei rifiuti lungo le strade o dove capita non è comunque giustificato, a prescindere da qualsiasi situazione emergenziale.