Il bagnino Gianni Paparelli

Bagnino dello stabilimento Dea Fortuna salva un ragazzino di 7 anni da sicuro annegamento. È accaduto due giorni fa nel tratto di mare antistante lo stabilimento balneare sulla riviera di Ponente ad Anzio. A salvargli la vita è stato Gianni Paparelli uno dei bagnini dello stabilimento che ha avuto la prontezza di riflessi di capire che, oltre la scogliera, c’era il bambino in difficoltà. “Il mare era mosso – racconta Paparelli – e ho visto una piccola testa vicino alla boa rossa distante pochi metri dalla riva che segnala la presenza di buche profonde; ad un a certo punto è sparita. La corrente aveva infatti trascinato il bimbo dietro la diga dove nessuno riusciva piu a vederlo. A quel punto mi sono tuffato in mare per soccorrerlo. L’ho afferrato per i capelli, trascinato in un punto dove toccavo e in mare ho dovuto fare un primo intervento e con un paio di colpi al petto gli ho fatto uscire dalla bocca l’acqua che aveva bevuto. Poi con l’aiuto del collega Quirino Castaldi e di un bagnante è stato portato a riva senza ulteriori conseguenze abbiamo completato l’intervento di rianimazione“. Sul bagnasciuga la mamma, incinta, all’arrivo del figlio ha avuto uno svenimento e per fortuna poi si è ripresa. Il bagnino è stato accolto sulla spiaggia tra gli applausi dei bagnanti che hanno seguito tutta la difficile operazione di salvataggio.