Home Cronaca Nettuno, consegnata alla scuola media di Via Olmata la sede distaccata di...

Nettuno, consegnata alla scuola media di Via Olmata la sede distaccata di via della Liberazione che ospitava le scuole Stimmatine

293
0

È stata consegnata questa mattina la sede temporanea del IC Nettuno III che ospiterà nove classi della scuola media “Ennio Visca” di Via Olmata nel pieno rispetto delle normative anti-covid. Si tratta dell’edificio dell’ordine delle Stimmatine che fino a due anni fa ha ospitato scuola materna ed elementare. La consegna si è svolta con alcune settimana di ritardo sulla tabella di marcia in quanto sono stati necessari dei lavori per adeguare i servizi agli alunni di una scuola media, rispetto al fatto che la vecchia struttura ospitava bambini della materna e della elementare. Inoltre è stato cambiato il cancello elettrico di entrata, sono stati eseguiti i lavori di manutenzione delle finestre e è stato installato anche il nuovo impianto. Il Comune per occupare l’edificio paga un affitto di 4000 euro al mese.
Assegnare questa struttura alla scuola media Visca nel piano di ricerca di nuove aule per garantire il rispetto delle distanze di sicurezza nei luoghi scolastici – spiega il Sindaco Alessandro CoppolaÈ stata una scelta fatta pensando a lungo termine. Devo dire che è stato fatto un lavoro davvero eccezionale e ringrazio il dirigente scolastico, il professor Di Maro, che si è impegnato anima e corpo per organizzare gli spazi e le aule”.
Banchi monoposto, aule nuove e ristrutturate, ingressi differenziati per i vari alunni, percorsi pedonali e spazi separati tra le varie classi. “Voglio ringraziare sentitamente – dichiara il dirigente Scolastico Prof. Marco Di Maroil Comune di Nettuno, il Sindaco Coppola e il personale della Poseidon per averci assegnato questa meravigliosa struttura e per il grande e intenso lavoro svolto. I nostri ragazzi avranno spazi all’aperto, aule adeguate e la garanzia del massimo rispetto delle normative sanitarie. Trovare una soluzione a Nettuno che soffre di carenza spazi e strutture è stata un’impresa lodevole e non indifferente da parte dell’amministrazione comunale che non smetterò mai di ringraziare. Questo è il frutto di un costante e produttivo dialogo tra istituzioni basato sulla fiducia e il rispetto del lavoro reciproco ”.