Un’infermiera del pronto soccorso dell’ospedale “Riuniti” di Anzio/Nettuno è risultata positiva al coronavirus, e con lei anche il proprio compagno. La donna aveva accusato sintomi di carattere influenzale nella giornata di martedì 6 ottobre. Giovedì, a scopo precauzionale, ha eseguito il tampone al drive-in di Villa Albani che ha dato esito positivo, confermando dunque la positività al coronavirus. Così anche per il compagno. Questa mattina il primario del pronto soccorso ha informato della situazione i medici, gli infermieri e gli operatori socio-sanitari che sono stati a stretto contatto con la donna nei turni di lavoro compresi tra l’1 e il 6 ottobre. Il primario ha contestualmente informato la direzione sanitaria dell’ospedale “Riuniti” che ha disposto, a partire da lunedì, il tampone per tutto il personale che era stato in servizio con l’infermiera. Stessa procedura sarà attuata anche per i pazienti che nella prima settimana di ottobre sono passati al pronto soccorso, alcuni dei quali sono poi stati ricoverati nei reparti.