Un proietto di mortaio della lunghezza di trenta centimetri, che con tutta probabilità risale alla Seconda Guerra mondiale, è stato ritrovato questa mattina nella zona del centro di Anzio. A fare la scoperta è stata una donna; mentre stava pulendo un’area verde incolta con un rastrello ha infatti trovato il residuato e ha dato subito l’allarme.
La particolarità del ritrovamento è che l’ordigno non era interrato; sembra strano che possa essere rimasto lì, per decenni, senza che nessuno lo notasse. Non si esclude quindi che possa essere stato trovato in un altro posto e poi abbandonano nell’area dove stamattina è stato ritrovato. Del ritrovamento è stata informata la Prefettura di Roma; sono stati immediatamente avvertiti gli artificieri dell’Esercito che domani saranno ad Anzio per rimuovere l’ordigno bellico. La zona in cui è stato ritrovato il proietto è stata transennata e messa in sicurezza.