Home Cronaca Mortale sulla Nettunense, la vittima è Fabrizio Compatangelo di Anzio. I colleghi...

Mortale sulla Nettunense, la vittima è Fabrizio Compatangelo di Anzio. I colleghi della ex Sigma-Tau: “Ciao Jimmy”

11919
0

Un ragazzo eccezionale, gentile, educato, sempre sorridente, che amava la vita. Faceva parte della grande famiglia Sigma-Tau; prima era al confezionamento, poi un mese fa era diventato responsabile del settore tecnico. Era benvoluto da tutti, sarà difficile dimenticarlo…“. Sono i commenti dei colleghi di Fabrizio Compatangelo, l’uomo di 40 anni che questa mattina ha perso la vita in un tragico incidente avvenuto all’alba sulla Nettunense, tra Anzio e Aprilia. E sono proprio i colleghi dell’azienda farmaceutica di Pomezia, ex Sigma-Tau, oggi Alfasigma, a confermare la triste notizia e a postare i ricordi del quarantenne, Jimmy, come lo chiamavano tutti.

Il quarantenne questa mattina si stava recando al lavoro, quando giunto nei pressi di Aprilia tra via  del Commercio e via della Meccanica, ha perso il controllo dell’auto, una Nissan Micra. All’improvviso, per cause che sono al vaglio della Polizia stradale di Aprilia e di Albano, la sua vettura ha impattato contro un mezzo pesante, proveniente dal senso opposto di marcia, guidato da un 50enne romano. L’impatto è stato violento, immediata la richiesta di soccorsi ma per il 40enne non c’è stato purtroppo nulla da fare. Anzio e Pomezia da questa mattina sono in lutto. “Ricordo questo ragazzo per la sua educazione e la sua gentilezza, che tristezza“, scrive nel gruppo dei colleghi su facebook uno degli amici. “Era un ragazzo sempre sorridente,  veramente una bella persona mi dispiace moltissimo“. “Che tu possa volare nel cielo azzurro…come i tuoi occhi limpidi..” Ma sono ancora tantissimi i messaggi di cordoglio e di vicinanza alla famiglia.

Le indagini sono affidate alla Polizia stradale, che dovrà ora tentare di capire cosa sia accaduto nei minuti immediatamente precedenti allo scontro e per quale motivo il quarantenne abbia perso il controllo dell’auto. Non è escluso che alla base dell’incidente possa esserci un malore avuto mentre era alla guida. Nonostante la tempestività dei soccorsi, l’automobilista è deceduto sul colpo.