SHARE
dati allarmanti

Sulla riapertura alle auto del centro storico di Anzio interviene di nuovo il consigliere comunale del movimento 5 Stelle che, in qualità di componente della Commissione urbanistica, per primo aveva criticato la scelta dell’amministrazione comunale di togliere l’isola pedonale a piazza Pia strade limitrofe. Guain risponde all’assessore Gianluca Mazzi che lo aveva criticato per la presa di posizione contraria. E lo critica perche’, secondo lui, Mazzi favorirebbe invece i grossi poli commerciali.
Premetto – scrive Guain – che l’assessore in commissione non mi ha mai ripreso sulla storia dei commercianti. L’intera commissione oltre al progetto della riapertura della piazza al transito dei mezzi, ha discusso del cambiamento del sistema economico globale, la nascita di centri commerciali e l’aumento degli acquisti online e rispettive implicazioni nel commercio locale, di conseguenza della poca attrattiva che ha un centro cittadino come quello di Anzio specialmente nei periodi invernali infrasettimanali.
Dopo le nostre contrarietà al progetto che ribadisco in controtendenza per una cittadina turistica come dovrebbe essere Anzio – continua il consigliere 5 Stelle – l’assessore ci porta a conoscenza di un suo nuovo concetto amministrativo, “la carota e il bastone”, che spero spiegherà in modo approfondito ai commercianti nella riunione pubblica che vuole organizzare.
Chiudo – conclude la nota – dicendo che un’amministrazione che si riempie la bocca di aiutare il commercio locale e dall’altra crea le condizioni per la realizzazione di grossi poli commerciali come quello che si sta portando avanti sulla Nettunese a poca distanza dal centro, mi lasciano basito”.