Home In evidenza Convenzione spiaggia Lido dei Pini, Lina Giannino: “Altro che Formentera, ritirare il...

Convenzione spiaggia Lido dei Pini, Lina Giannino: “Altro che Formentera, ritirare il bando”

44
0
SHARE
Formentera

E’ spaccato, ancora una volta, il Pd locale: stavolta si tratta dell’ultimo caso che riguarda la convenzione della spiaggia libera di Lido dei Pini. Se la capogruppo Anna Marracino si è detta favorevole alla convenzione, la consigliera Lina Giannino per tutta risposta si schiera su tutt’altra posizione. E annuncia con decisione che parteciperà all’incontro pubblico promosso da Legambiente per protestare contro la decisione dell’Amministrazione di pubblicare il bando.

In questi giorni si sta leggendo di tutto e il contrario di tutto. Consiglieri di maggioranza che fanno riunioni con gli operatori di Lido dei Pini, un sindaco che esorta tutti a studiare la differenza che c’è tra convenzione e concessione e una parte dell’opposizione che incanta tutti con il miraggio di una nota spiaggia spagnola con una pubblicità degna di un tour operator. Infatti l’arenile, in questione si chiamerà Playa de Formentera dove si parlerà solo spagnolo e dove si potrà assistere a spettacoli di Flamenco, e gustare dell’ottima paella valenciana. Tutto ciò in nome di una delibera della Regione Lazio“.

Quel che sfugge, sostiene la Giannino, è che si sta parlando di una zona identificata dalla Regione Lazio come Sito di Interesse Comunitario.

Un luogo cioè protetto poiché di particolare pregio naturalistico ambientale in via di estinzione. facente parte di  siti a loro volta inseriti in una direttiva CEE denominata ‘HABITAT’ che salvaguardia questi luoghi da ogni tipo di interventi. Ora ci immaginiamo come potrebbero essere violate le dune presenti e protette in quel tratto dall’impianto di ombrelloni, lettini e bagni con docce? Per non parlare delle pedane dove batteranno i tacchi i ballerini di Flamenco?“.

Al di là dell’ironia, la consigliera del Pd annuncia una ferma opposizione.

Sarò presente all’iniziativa di Legambiente e scriverò alla Regione Lazio affinché tale bando scellerato venga immediatamente ritirato“.