Home Cronaca Anzio, anche Città metropolitana dice no alla seconda biogas. Ultimo atto

Anzio, anche Città metropolitana dice no alla seconda biogas. Ultimo atto

199
0
no biogas

Speriamo lo sia davvero, un ultimo atto nella intricatissima vicenda della seconda centrale biogas prevista a Padiglione. Poco fa l’atteso parere di Città metropolitana ha chiuso il cerchio intorno all’impianto. Appena due giorni dopo la dura presa di posizione del consiglio comunale di Anzio che, unito, e grazie al tempestivo intervento dell’assessore all’Ambiente Danilo Fontana, è riuscito ad intercettare una missiva della Regione che praticamente rimescolava le carte in tavola. All’unanimità è stato approvato un ordine del giorno per invitare la ex Provincia a rilasciare parere negativo. Una storia incredibile che raccontiamo nei dettagli sull’edizione cartacea in uscita domani 17 maggio.

Nel suo parere Città metropolitana evidenzia come “la presenza di un edificio sensibile, a distanza inferiore ai mille metri, rende incompatibile la localizzazione degli impianti o in ogni caso la condizionano ad una idonea verifica procedurale amministrativa (…), in coerenza degli obiettivi di tutela fissati dalla legge“.

Anzio, TariSoddisfazione, a caldo, è stata espressa dall’assessore Fontana: “La netta presa di posizione di oggi della Città Metropolitana di Roma Capitale, rispetto all’impianto di biometano Green Future, in località Padiglione, è una prima importante vittoria del consiglio comunale di Anzio e della nostra città. Il Comune di Anzio –vigilerà sulla vicenda, insieme al consiglio comunale, tenendo alta l’attenzione a tutela della cittadinanza”.