Home In evidenza Lavinio, all’Anzio V ‘Level up’ per migliorare le abilità emotive degli studenti

Lavinio, all’Anzio V ‘Level up’ per migliorare le abilità emotive degli studenti

49
0
SHARE
abilità emotive

Si è appena concluso all’Istituto Comprensivo Anzio V, il primo modulo dell’innovativo progetto “Level Up” ideato e condotto dalle Counselor Arianna Orru e Marika Saggiorato dell’associazione Entelechia.

I ragazzi della 1A si sono sperimentati nella ricerca di quella capacità, insita in ognuno di noi, che può essere sviluppata, perfezionata e trasmessa per migliorare il proprio rapporto con sé, con gli altri e con le realtà che viviamo ogni giorno: la competenza emotiva. Attraverso tecniche di Counseling, utilizzando creatività, laboratori e attività di gioco, gli studenti hanno potuto accedere alla conoscenza, al riconoscimento e all’incremento delle abilità emotive.

I nostri ragazzi sono ‘competenti’ e performanti in vari ambiti, quali scuola e sport – spiegano le counselor – ma il più delle volte si dimostrano dei veri analfabeti emotivi. Sono cioè in grado di superare prove di esami impegnativi ma incapaci di sopportare un’insufficienza a scuola, o una frustrazione che emerge per un desiderio non realizzato, per un risultato non raggiunto o nell’affrontare le diverse forme di rifiuto che generano sofferenza“.

Per evolvere un vissuto affettivo abbiamo bisogno di crescere in tre grandi classi di abilità fondamentali della competenza emotiva:  comprendere le proprie emozioni, ascoltare gli altri ed esprimere le emozioni in modo produttivo. “La scuola, soprattutto quella dell’obbligo, non può fermarsi alla trasmissione di conoscenze – commenta la professoressa Laura Casella, referente del progetto – ma contribuire con ogni mezzo alla crescita dei ragazzi in un momento particolarmente delicato della loro vita. Nel percorso che porterà questi giovanissimi alla certificazione delle competenze, così come richiesto dalle indicazioni nazionali alle quali tutti noi docenti facciamo riferimento, questo genere di attività offre un supporto importante e contribuisce notevolmente anche alla lotta contro il bullismo e la solitudine“.