SHARE

All’ingresso della succursale dell’istituto Chris Cappell College di Via Oberdan Fratini ad Anzio, è apparso uno striscione con la scritta “Basta Strutture Fatiscenti” come segno di protesta da parte dei militanti del Blocco Studentesco di Anzio e Nettuno. Le motivazioni vengono spiegate in una nota da Mario D’Onofrio responsabile locale del movimento: ” Troviamo assurdo – spiega – termosifoni spenti al rientro delle festività natalizie e a dispetto del clima rigido di queste settimane.
Questo striscione vuole ribadire ancora una volta l’importanza delle istituzioni che dovrebbero garantire delle condizioni consone ad un ambiente scolastico salubre anziché abbandonare gli studenti a se stessi, anche questa volta ci schieriamo al fianco degli studenti, vittime di questa situazione.
Pertanto – continua Mario D’onofrio – preferiamo la concretezza dell’azione priva di retorica anziché delle futili promesse che da anni si ripetono.
Si assiste all’incapacità di mantenere in sicurezza gli edifici scolastici ed è inammissibile vedere soluzioni temporanee soltanto in presenza di danni gravi di cui gli studenti sono le vittime.
Una soluzione a questa problematica esiste – conclude la nota – ed è la creazione di commissioni per l’edilizia scolastica, formate da tecnici, genitori e studenti su base provinciale, perché le scuole smettano di essere baracche ma palestre di vita e campi di prova per il futuro”.