Home In evidenza Anzio, Pd e Leu dopo l’odg sul porto: “Tre step per risolvere...

Anzio, Pd e Leu dopo l’odg sul porto: “Tre step per risolvere la questione della realizzazione”

44
0
SHARE
No alla revoca della concessione

Con il parere favorevole dell’assessora Alessandra Sartore e della Giunta abbiamo riformulato un ordine del giorno che, mettendo insieme la mozione presentata il 12 dicembre e un recente odg della minoranza, fissa tre fasi importanti per risolvere la questione della realizzazione del nuovo porto commerciale e turistico di Anzio. Finora disattesa per le gravi inadempienze nella concessione demaniale n.6586 del 21 settembre 2011”.

Lo dichiarano i consiglieri del PD Eleonora Mattia ed Emiliano Minnucci e il capogruppo di Liberi e Uguali, Daniele Ognibene, al termine della votazione che ha portato all’approvazione del nuovo ordine del giorno, riformulato in aula, con cui si vuole porre fine ad una vicenda che si trascina ormai da anni.

Nella sostanza – spiegano Mattia, Minnucci e Ognibene – l’odg approvato impegna il presidente e la Giunta ad istituire un tavolo tecnico, insieme al Comune di Anzio, per valutare la fattibilità del progetto; la messa a ruolo di tutti i mancati pagamenti della società Capo d’Anzio Spa all’agenzia del demanio e l’attenta valutazione di condizioni e modalità per giungere alla decadenza della concessione in essere, a tutela di Anzio e di tutto il territorio”.

 

Il voto alla Pisana, di un ordine del giorno condiviso con l’assessore Alessandra Sartore – aggiunge la capogruppo Pd di Anzio, Anna Marracinosegna una svolta importante nel percorso che ci vede impegnati da mesi per dare, finalmente, ad Anzio lo sviluppo e la crescita di cui ha bisogno, con il rilancio del Porto e delle attività ad esso collegate. Dopo anni di paralisi, il mio intervento in Consiglio Comunale del 3 ottobre scorso e la successiva mozione presentata alla Pisana il 12 dicembre dai Consiglieri PD, Eleonora Mattia ed Emiliano Minnucci, hanno riacceso i riflettori su una questione che, ora più che mai, deve essere definitivamente risolta. La convergenza trovata oggi in aula, anche con la Giunta, segna una svolta importante a favore di Anzio e di tutta la comunità locale”.