Home In evidenza Verso le elezioni, la proposta di Del Giaccio: “La villa di via...

Verso le elezioni, la proposta di Del Giaccio: “La villa di via del Tridente sarà giardino della legalità”

1408
0

Il cambiamento è urgente, lo chiedono i cittadini, anzi lo pretendono a gran voce. Urgente dare segnali di legalità”. Con queste parole Giovanni Del Giaccio, candidato sindaco di ‘Un’altra città‘ e sostenuto dal Pd, ha lanciato la sua ultima proposta: demolire la villa di via del Tridente confiscata al boss Enrico Nicoletti, cassiere della banda della Magliana, per trasformarla nel giardino e nel simbolo della legalità. Un rudere abbandonato da tantissimi anni, tristemente famoso ormai soprattutto per il profondo stato di degrado, rientrato da vent’anni (vent’anni) tra i beni del Comune e ad oggi covo di randagi, ratti e rifiuti di ogni genere.

Il centrodestra in 20 anni non è mai riuscito a recuperarlo – puntualizza Del Giaccio – Si tratta di uno dei sedici beni nella disponibilità del Comune, è evidente che sia mancata qualsiasi progettualità. A via del Tridente meglio demolire e fare qualcosa di diverso, sarà  un segnale preciso alla criminalità vecchia e nuova, soprattutto a quella che si è avvicinata pericolosamente alla cosa pubblica”. Come annunciato durante la presentazione della sua candidatura, confermato anche che dal 21 marzo 2019 Anzio ospiterà la giornata della memoria e dell’impegno contro le mafie. “Rispetto agli altri beni confiscati ci sarà la ricognizione, come previsto dal programma di Un’altra città – conclude Del Giaccio – quindi si metteranno a punto iniziative di utilizzo con il coinvolgimento della Regione Lazio, delle associazioni che si occupano di questo e realtà del privato sociale”.