Home Cronaca Molestie, droga, armi e movida: quattro arresti nel week end

Molestie, droga, armi e movida: quattro arresti nel week end

4051
0

Un bilancio positivo e di tutto rispetto quello appena diramato dai militari del Nucleo operativo e radiomobile di Anzio. Sono state oltre 100 le persone identificate, almeno 10 le contravvenzioni al Codice della strada elevate e ben quattro gli arresti messi a segno, infatti, dai carabinieri della locale Compagnia. Al fine di prevenire gli illeciti, i militari dell’Arma agli ordini del capitano Lorenzo Buschittari hanno rafforzato i servizi di controllo e pattugliamento del territorio. Nell’ambito di questi serrati controlli concentrati sulla ‘movida‘ nel week end sono state presidiate le strade di accesso a Nettuno; circa 50 i veicoli controllati e una decine i verbali elevati nei confronti di altrettanti automobilisti irrispettosi delle norme del codice stradale. Per prevenire liti e schiamazzi notturni, i Carabinieri hanno pattugliato a piedi anche le viuzze del Borgo medievale.

Nelle stesso ore i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato un cittadino di nazionalità nigeriana, domiciliato ad Anzio che aveva molestato una connazionale, rapinandola anche del telefonino. L’immediato intervento ne ha consentito l’arresto in flagranza di reato e il successivo trasferimento nel carcere di Velletri, dove si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.

armiAltri tre arresti sono stati messi a segno nella serata di venerdì scorso al confine tra Anzio e Aprilia: due uomini e una donna, ritenuti responsabili in concorso tra loro della detenzione di due pistole semiautomatiche – entrambe con matricola alterata, perfettamente funzionanti e complete di munizionamento – nonché della detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel contesto sono stati sequestrati anche contanti per oltre 7.000 euro, ritenuti provento di attività illecite.  I tre arrestati sono stati condotti in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria. Le indagini proseguiranno, anche per accertare se le armi rinvenute siano state utilizzate per commettere delitti.