Home Calcio Promozione – Il Nettuno dilaga contro l’Indomita Pomezia

Promozione – Il Nettuno dilaga contro l’Indomita Pomezia

1865
0

Facile e al contempo importante la vittoria del Nettuno al Celestino Masin contro l’Indomita Pomezia ultima in classifica. Davanti al pubblico di casa, nella prima gara con ingresso libero, i verdazzurri non sono mai stati impensieriti, complice anche l’aver giocato un’ora in superiorità numerica. Mister Marco D’Ambra deve fare a meno di Correia e lascia Ferrari in panchina per non rischiarlo dato che veniva da un leggero infortunio. In attacco schiera il solo Bruschini supportato da Capolei largo e Ranone tra centrocampo e attacco. La svolta dell’incontro al 25′: Ranone viene atterrato in area, l’arbitro fischia il rigore e Fileni viene espulso per proteste. Dal dischetto va lo stesso Ranone, Borrelli respinge ma Tiligna ribadisce in rete. Al 36′ è Di Cori a raddoppiare: palla in area da calcio d’angolo, la difesa la mette fuori ma l’ex di turno la deposita in rete e non esulta per rispetto della sua vecchia squadra. La gara è già chiusa nel primo tempo, ma nella ripresa il Nettuno arrotonda il punteggio. Al 70′ Ranone, il migliore in campo, sbroglia un batti e ribatti in area per il 3-0, poi al 72′ sempre Ranone si guadagna un altro rigore che stavolta non fallisce firmando la doppietta personale. Al’85’ fa festa anche Bruschini: ripartenza veloce della squadra di casa, la punta si libera sulla sinistra e calcia di prima intenzione per il 5-0 finale. Un gol che ci voleva per il morale del centravanti verdazzurro. Con questo successo il Nettuno aggancia il Frascati e si porta a quattro punti dalla salvezza diretta, in attesa del match tra Semprevisa e Atletico Morena, e a più nove dalla zona retrocessione diretta. Quella di oggi è la terza vittoria di fila per il Nettuno, che in casa non perde da due mesi e ha tutta l’intenzione di continuare a vincere, spinta anche dal pubblico dato che fino al termine della stagione l’ingresso al Masin sarà libero. Notte fonda per l’Indomita Pomezia, sempre più ultima in classifica.