La Guardia di Finanza ha eseguito questa mattina un nuovo blitz nella sede centrale di Latina di Acqualatina, che gestisce il ciclo delle acque. Da alcuni mesi la società è al centro di un’indagine della procura della Repubblica di Latina in relazione alle irregolari agevolazioni nel pagamento di cartelle a favore di alcuni utenti. Un’inchiesta che, lo ricordiamo, ha già portato al licenziamento di due dipendenti e della sede di Nettuno.
I finanzieri hanno eseguito un’accurata perquisizione e ascoltato alcuni dipendenti relativamente al meccanismo del pagamento delle cartelle, ma anche alla procedura di affidamento degli appalti per i lavori sulle condotte. Insomma, l’inchiesta si allarga.