Home Cronaca In ricordo di Fabrizio Marras, presidente di “Reti di giustizia”

In ricordo di Fabrizio Marras, presidente di “Reti di giustizia”

113
0

di Francesca Tammone

Una vita interamente dedicata a promuovere gli ideali nei quali credeva e a realizzarli concretamente attraverso le numerose attività che svolgeva nel Sud pontino. Questo era Fabrizio Marras, ma le sue qualità speciali non si limitavano solo al suo impegno sociale, ma anche all’autenticità con cui operava nel mondo dell’associazionismo, un mondo carente nel nostro territorio.

Era un uomo che sapeva unire e dialogare con chiunque e aveva compreso che gli ideali che portava avanti, come la legalità e la crescita della consapevolezza etica dei cittadini, non si sposavano con gli interessi personali, ma con l’educazione delle persone di tutte le età.

Era convinto che la scuola non dovesse essere considerata solo un servizio, ma una funzione intrinseca dello Stato. La sua associazione e lui stesso erano attivi in diverse istituzioni scolastiche del nostro territorio, tra cui il “San Benedetto” di Latina, l'”Apicio Colonna Gatti” e, più recentemente, l’Istituto “Emanuela Loi“.

Si presentava ai ragazzi con semplicità e dialogava con loro sulla vita, il bene comune, la legalità e il futuro; sapeva dissipare le iniziali diffidenze dei giovani “millennials” e li spingeva a riflettere su se stessi e sul mondo.

Ma Fabrizio Marras non era solo questo; aveva un grande senso dell’ironia senza mai risultare offensivo nei confronti di nessuno. Forse perché aveva una prospettiva più ampia rispetto alle nostre comunità spesso limitate mentalmente, o forse perché era originario della Sardegna. Forse era proprio questo disincanto ironico che lo rendeva tenace e coraggioso.

Ha trascorso una vita di impegno continuo, prima con “Libera“, poi con “Reti di giustizia” e anche come presidente dell’Osservatorio per la Legalità del Comune di Aprilia, senza mai mostrare presunzione.

La sua scomparsa ci rattrista profondamente e priva questa comunità di un prezioso attore nel campo sociale.