Home Lifestyle I bookmaker inglesi rimangono chiusi come segno di rispetto per la morte...

I bookmaker inglesi rimangono chiusi come segno di rispetto per la morte della Regina

139
0

La Gran Bretagna piange la scomparsa di Elisabetta II venuta a mancare giovedì pomeriggio. Poco dopo l’annuncio da Buckingham Palace sono iniziati i 10 giorni di lutto

Molte attività, tra cui l’attività in Parlamento, sono state rinviate. La Camera dei Comuni sarà sospesa fino al 21 settembre, ma si riunirà venerdì a mezzogiorno per una seduta speciale con i parlamentari che renderanno omaggio alla defunta regina.

Sabato si siederà anche la camera bassa del parlamento poiché un piccolo numero di parlamentari di alto livello presterà giuramento a re Carlo III e i tributi continueranno fino alle 22:00 prima della sospensione.

Secondo gli esperti di Miglioricasinoitalia.it  anche il mondo delle sport e delle corse ippiche saranno sospese in segno di rispetto per la sovrana. Le partite della Premier League inglese saranno annullate durante il fine settimana e saranno rinviate anche le partite dei campionati scozzese, irlandese e gallese.

William Hill, uno dei bookmaker più importanti in Inghilterra ha annunciato su Twitter che chiuderá tutte le ricevitorie del paese. Il tweet dice: “Siamo rattristati nell’apprendere della morte di Sua Maestà la Regina. La regina Elisabetta II, il nostro monarca regnante più longevo, è stata una figura importante e risoluta durante i periodi di grandi cambiamenti. Ci uniamo alla nazione nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia reale. In segno di rispetto, i nostri negozi sono chiusi questa sera e rimarranno chiusi domani”.

Un’altro settore sportivo che piange la scomparsa della regina è quello della corsa di cavalli, sport preferito della regina Elisabetta. Sin dalla sua incoronazione nel 1952 era stata infatti una delle più grandi sostenitrici del del Royal Ascot Festival.

L’ippodromo di Ascot gode di forti legami con la corona. Fu fondata nel 1711 dalla regina Anna ed è situata a circa 10 km dal castello di Windsor. Le corse di cavalli sono il secondo sport per spettatori in Gran Bretagna e uno dei più consolidati, con una storia che risale a molti secoli fa.
L’industria di per sé genera 3,39 miliardi di sterline di spese dirette e indirette nell’ economia inglese e rimangono da sempre una parte importante della tradizione britannica.