Home Cronaca Anzio, è caccia aperta a chi ha accoltellato a morte Leonardo Muratovic

Anzio, è caccia aperta a chi ha accoltellato a morte Leonardo Muratovic

1671
0

Aveva compiuto 25 anni il 29 giugno scorso Leonardo Muratovic, il giovane di Aprilia che la scorsa notte è stato accoltellato a morte sulla riviera Mallozzi ad Anzio durante una lite. Questa mattina gli agenti del commissariato di polizia di Anzio e quelli della Squadra mobile di Roma hanno eseguito un nuovo accurato sopralluogo sul punto in cui il ragazzo è stato accoltellato, tra la gelateria Biolè e e il locale sulla spiaggia Bodeguita. Secondo quanto hanno potuto ricostruire gli investigatori, il giovane era insieme alla fidanzata e ad altri amici nel locale sulla spiaggia; ad un certo punto sarebbe scoppiata una lite per motivi in corso di accertamento con altri clienti del locale. La situazione stava degenerando e a quel punto i due gruppi sono stati allontanati dalla security. La lite è quindi proseguita in strada, sulla riviera, dove è sfociata in tragedia: a quanto sembra la vittima e un suo amico sarebbero stati isolati e accerchiati da più giovani che li avrebbero colpiti a calci e pugni danneggiando anche i porta vasi realizzati con pezzi di bancale che si trovavano su quel punto della riviera. E proprio in quel frangente è stata sferrata la coltellata mortale che ha raggiunto Leonardo all’addome. Un solo fendente, ma letale. Il feritore e gli altri amici si sono quindi dileguati, lasciando la vittima in una pozza di sangue. Il ragazzo è stato soccorso dalla fidanzata e da alcuni amici che hanno dato immediatamente l’allarme. Quando gli operatori del 118 sono arrivati sulla riviera Mallozzi, le condizioni del ragazzo erano disperate. Il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale di Anzio non è servito a salvare la vita al giovane di Aprilia, che praticava pugilato ed era molto conosciuto nella comunità apriliana. Il corpo del Leonardo Muratovic è stato messo a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nelle prossime ore sarà eseguito l’esame autoptico sul corpo del ragazzo per accertare con precisione le cause della morte.

Durante la notte sono stati ascoltati decine di testimoni, mentre la polizia ha acquisito anche la registrazione delle telecamere di controllo della zona della riviera di Ponente per cercare di identificare chi ha sferrato la coltellata mortale.