Home Cronaca Anzio/Nettuno, il prossimo 8 luglio marcia della legalità

Anzio/Nettuno, il prossimo 8 luglio marcia della legalità

185
0

L’8 luglio alle ore 20 i cittadini marceranno da Anzio e Nettuno per la legalità in un’iniziativa promossa dal Coordinamento Antimafia Anzio e Nettuno e da Reti di Giustizia. L’iniziativa segue la manifestazione “Il Silenzio è Mafia” organizzata dalla Rete #NoBavaglio all’indomani dell’operazione Tritone che ha portato all’arresto di 65 persone per ‘ndrangheta e all’insediamento di due commissioni di inchiesta nei comuni di Anzio e Nettuno.
Dopo la manifestazione di febbraio ed il servizio di Piazzapulita del giornalista Alberto Nerazzini, la Rete #NoBavaglio insieme agli operatori dell’informazione, le associazioni dei territori e la politica ha lanciato la sottoscrizione di un “Manifesto della Legalità”. Un appello che contiene una dichiarazione di intenti come anticorpi ai clan all’omertà e alla corruzione che fanno parte della cultura mafiosa. Il documento è sottoscritto da chi ha scelto di non restare a guardare coinvolgendo le forze sane del territorio e le realtà attive perché nessuno resti solo, o venga chiamato “spia” come è successo ad alcuni giornalisti dopo il servizio di Piazzapulita solo per aver svolto il proprio lavoro di cronista e d’inchiesta.
Alla marcia dell’8 luglio parteciperà anche il Presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra.
La Rete #NoBavaglio insieme ai giornalisti e alle associazioni dei territori, lancia dunque la sottoscrizione del “Manifesto della legalità”.

Diritti-Cultura-Giustizia sociale-Lavoro-Libera informazione.
Questi i punti su cui si basa la nostra manifestazione di pensiero:
• La nostra è un’unione di forze per informare correttamente i cittadini su quanto accade nei territori;
• Facciamo rete con tutte le realtà attive della società civile che si occupano della tutela dei diritti dei cittadini e di informazione libera da condizionamenti esterni;
• Cultura, legalità, giustizia sociale, lavoro, tutela dell’ambiente e dei beni comuni, trasparenza e libera informazione sono i nostri anticorpi alla malapolitica e ai Clan;
• Fronte comune contro intimidazioni, querele bavaglio, corruzione e omertà tipiche della cultura mafiosa;
• Confronto, sostegno e condivisione di progetti, denunce e proposte per migliorare e tutelare il tessuto sociale nei territori.
• Condivisione di informazioni, dati e analisi dei singoli territori per permettere correlazioni e lavorare in rete.

“Il Manifesto della Legalità – spiegano i promotori dell’iniziativa – è sottoscritto da tutti noi che abbiamo scelto di essere uniti, di lottare facendo sentire la nostra voce ma soprattutto di non restare a guardare”.
Per adesioni retenobavagliolazio@gmail.com