Home Lifestyle Il Brasile guida le favorite per la Coppa del Mondo 2022

Il Brasile guida le favorite per la Coppa del Mondo 2022

207
0

La Coppa del Mondo 2022 sarà la prima della storia della competizione ad essere giocata nel periodo novembre-dicembre. E sarà anche la prima volta del Qatar come paese ospitante. Proprio la scelta del paese asiatico e le alte temperature che lo condizionano nei mesi estivi hanno costretto gli organi competenti a scegliere un periodo per così dire insolito per la disputa del torneo: la Coppa del Mondo di quest’anno, infatti, inizierà il 21 novembre e terminerà il 18 dicembre.

La manifestazione è lontana dai radar e mancano ancora all’appello tre squadre che usciranno da altrettanti spareggi, ma sulle lavagne dei bookmaker impazza già il toto-favorita con le quote antepost pubblicate a conclusione della fase di qualificazione. Per la seconda edizione di fila non ci sarà l’Italia a conferma del fallimento del calcio di casa nostra, una pillola amara da ingoiare addolcita solo dalla vittoria (alla luce dei risultati un po’ fortunosa) dell’Europeo dell’estate scorsa. Si spera che per gli azzurri sia l’ultima esclusione, facilitata anche dal fatto che dal prossimo torneo in programma nel 2026 in Canada, Messico e Stati Uniti saranno 48 le qualificate e non 32 come per quello di quest’anno. Più posti e dunque più possibilità di accedere alla fase finale della manifestazione. Ma questa sarà un’altra storia e, ora, è tempo di concentrarsi sul Mondiale alle porte.

Il Brasile penta-campione del Mondo è ancora una volta il grande favorito per la conquista del trofeo secondo i pronostici Mondiali Qatar 2022. I verdeoro non trionfano ormai da 20 anni e hanno vinto con estrema facilità il girone sudamericano. È anche la nazionale con il maggior numero di partecipazioni, 22, e dovrà lasciarsi alle spalle anche l’onta della sconfitta nell’ultima edizione della Coppa America giocata in casa e persa in finale contro l’Argentina. Sul secondo gradino del podio dei pronostici c’è l’Inghilterra: i sudditi di sua maestà la regina Elisabetta partiranno ancora una volta con il motivetto “It’s Coming Home” nato per celebrare Euro 1996 ma che non ha mai portato bene visto che da allora gli inglesi non hanno mai vinto nulla. Gli annali ci dicono che l’unica vittoria inglese in un torneo internazionale è la Coppa del Mondo del 1966. Alle spalle degli inglesi troviamo la Francia campione del mondo in carica. I Bleus si sono aggiudicati la coppa per la seconda volta nella loro storia quattro anni fa, quando in finale ebbero la meglio sulla Croazia. La selezione del ct Didier Deschamps arriva al torneo iridato forte del successo nell’ultima UEFA Nations League.

Tuttavia il lotto delle pretendenti alla vittoria finale è più o meno sempre lo stesso ad ogni edizione. Tra le outsider c’è la Spagna, che dopo il fantastico trittico Euro 2008, Mondiale 2010 ed Euro 2012 non ha più vinto nulla. C’è poi l’inossidabile Germania che anche se nelle ultime stagioni non è più stata quella di un tempo (ultima delle quattro vittorie nel 2014), non sbaglia mai un colpo e non fallisce mai la qualificazione. Ultima tra quelle che possono essere le possibili pretendenti al trono in Qatar c’è l’Argentina di Leo Messi. Per la Pulce, un po’ troppo frettolosamente considerata da alcuni la più grande stella del calcio di sempre, è l’ultima occasione di vincere una coppa che non ha mai neanche lontanamente sfiorato. L’ultimo successo della “Selección” risale al 1986 e quello fu il Mondiale di un certo Diego Armando Maradona…