Home Cronaca 8 marzo: le donne di Anzio e Nettuno vicine a quelle ucraine

8 marzo: le donne di Anzio e Nettuno vicine a quelle ucraine

314
0

Un grande gruppo di persone, nella fredda serata di ieri, è sceso in Piazza Pia ad Anzio per partecipare alla fiaccolata e per essere solidale nei confronti delle donne ucraine.
A parlare sono state le organizzatrici dell’evento Maria Cupelli, Simonetta Pagliaricci e Stefania Salvucci, le quali hanno espresso tutto il loro rammarico per la guerra e hanno anche ringraziato Francesco Silvia, perché “nel mondo degli uomini c’è chi pensa ancora alle donne“.

Questa sera non siamo qui solo per noi donne – hanno detto – ma anche perché questo continuo parlare della guerra, questa continua spettacolarizzazione degli eventi, ci sta facendo perdere di vista quello che è il tema madre di tutta la questione: la pace. Questo sentimento di pace – hanno continuato – che deve fare da cuscinetto tra l’umanità e i capi di stato. Questo sentimento di pace che dobbiamo rimettere assolutamente al centro. Abbiamo pensato di organizzare questo evento proprio per condividere e lanciare un grido di allarme e chi, se noi donne, lo può rimettere in campo?

A prendere subito dopo la parola sono state la studentessa Enya del Liceo Artistico di Anzio, che ha portato un monologo sulla forza delle donne, e la cittadina ucraina Natalia Maslatsova, la quale invece ha raccontato molti avvenimenti che stanno colpendo il suo Paese di origine.

Un approfondimento maggiore, con testimonianze di bambine e donne di origine ucraina presenti alla manifestazione di ieri sera, sarà riportato sul nostro cartaceo. Il giornale, come sempre, sarà in vendita in tutte le edicole di Anzio e Nettuno a partire da venerdì 11 marzo.

mde
mde
mde