Home Cronaca Anzio, dalla scuola “Falcone“ partiti gli aiuti per i profughi ucraini alla...

Anzio, dalla scuola “Falcone“ partiti gli aiuti per i profughi ucraini alla volta della Polonia

317
0

Quasi tre quintali tra generi alimentari di pronto uso, medicinali e materiale sanitario. E’ il materiale che hanno raccolto in poche ore i professori e i genitori della scuola media “Falcone“ ad Anzio per aiutare le migliaia di profughi ucraini che, dopo aver abbandonato il proprio paese attaccato dalla Russia, si sono rifugiati in Polonia.

L’iniziativa è stata della Professoressa Teresa Maggio che nella giornata di mercoledì ha avuto l’idea di raccogliere degli aiuti per i profughi. “Giovedì mattina – racconta -, ho coinvolto in questa iniziativa i miei colleghi che hanno aderito; ma da quel momento è scattato un vero e proprio tamtam tanto è vero che hanno aderito anche tanti alunni della nostra scuola che a loro volta hanno coinvolto i genitori. E così nella giornata di giovedì sono arrivati generi alimentari di pronto uso come pane in cassetta, fette biscottate, legumi già pronti, pappe per bambini, ma anche antidolorifici, Tachipirina, ovatta, siringhe, lacci emostatici e anche test glicemici per diabetici”.
“Abbiamo svolto questa raccolta – spiega ancora la professoressa Maggio – coordinandoci con Don Marco, sacerdote ortodosso che è responsabile della chiesa ortodossa di Santa Sofia a Roma. E così nella giornata di venerdì abbiamo caricato su due suv questo materiale che abbiamo portato a Roma. Prima di lasciarlo avevamo comunque diviso i prodotti negli scatoloni, scrivendo cosa ci fosse contenuto. Una volta arrivati a Santa Sofia, i volontari ucraini e quelli italiani della parrocchia ci hanno ringraziato perché i nostri prodotti, identificati nei cartoni, sono stati subito caricati su camion che sono subito partiti alla volta della Polonia dove saranno distribuiti agli sfollati. Ci hanno ringraziato – spiega la professoressa – perché abbiamo tolto loro un passaggio; nella parrocchia di Santa Sofia il materiale viene infatti consegnato un po’ alla rinfusa e poi va suddiviso dai volontari. È un’iniziativa partita con la volontà di dare un piccolo aiuto – conclude la professoressa Teresa Maggio – ma che poi ha coinvolto tante e tante persone. Siamo molto felici di questo. Speriamo serva“.

Per chi volesse contattare la parrocchia di Santa Sofia a Roma, in particolare Don Marco, può contattare questi numeri: 06/6240203 oppure 3294260992. I giorni di raccolta generi alimentari e medicinali presso la chiesa di Santa Sofia sono dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 20, il sabato dalle 9 alle 19, la domenica dalle 13 alle 13.