Home Cronaca Per la giornata dei diritti umani flash mob e cortometraggio degli alunni...

Per la giornata dei diritti umani flash mob e cortometraggio degli alunni dell’IC Nettuno 3

106
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

In occasione della data del 10 dicembre che ricorda la proclamazione da parte dell’Assemblea delle Nazioni Unite della Dichiarazione universale dei diritti umani, gli alunni delle terze medie dell’IC Nettuno 3 diretto dal professor Marco Di Maro e su impulso della referente professoressa Enrica Gasbarri, guidati dal team docente, hanno ideato, organizzato e realizzato un flash mob che è confluito in un cortometraggio.
A conclusione di un progetto più ampio che ha interessato più discipline per lo studio dell’Educazione Civica, è stata realizzata una campagna pubblicitaria, delle poesie rap accompagnate musicalmente, striscioni e slogan sui diritti umani. Tutti i ragazzi, divisi per colore a formare idealmente l’arcobaleno con in volto e sul palmo delle mani disegnato il simbolo della pace intrecciato a un cuore, hanno riempito la manifestazione con tre momenti musicali curati dal coro della scuola “Andante con brio” diretto dalle insegnanti Maria Teresa Chillemi e Valentina Ciambrone: “Credo negli esseri umani”, che oltre ad essere cantato è stato rappresentato con la lingua dei segni; “What a wondeful world” e “We are the people”, con la voce della solista Giulia Imperiali accompagnata nel ritornello da tutti i ragazzi, con alla chitarra un eccezionale Gabriele Combi e la ballerina Giada Mansi che ha coreografato il tutto.
Per mandare un messaggio di inclusione, aggregazione e partecipazione attraverso il linguaggio universale della musica, le due sedi di via Olmata e San Francesco hanno così provato a dar voce a chi non ha voce, dopo aver studiato e conosciuto la bellezza e la potenza dei diritti umani. Perché chi crede nei Diritti Umani, crede nella quotidianità e nella costanza di tali diritti, crede che l’indignazione di fronte ai soprusi e alle violenze non abbiano una data in cui esplodere, ma abbiano invece un luogo della coscienza in cui farsi sentire. Sempre.