Home Cronaca Anzio, revoca cittadinanza a Mussolini: il consigliere Maranesi chiede un consiglio comunale

Anzio, revoca cittadinanza a Mussolini: il consigliere Maranesi chiede un consiglio comunale

392
0
rendiconto

Il consigliere comunale di Anzio Marco Maranesi del Gruppo misto ha protocollato una richiesta di convocazione del Consiglio Comunale con l’inserimento del punto all’ordine del giorno della revoca della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini e il conferimento della Cittadinanza onoraria ad Adele di Consiglio.
“Nella mia richiesta indirizza al Sindaco e al Presidente del Consiglio – spiega Maranesi – ho chiesto che nella riunione venga invitata a partecipare la Sig.ra Edith Bruck. Voglio che ogni consigliere comunale prima di votare guardi negli occhi una donna che ha vissuto direttamente gli orrori di quegli anni ed i segni permanenti che ancora oggi porta su di se, la perdita di buona parte della sua famiglia ed i crimini di cui Benito Mussolini si è macchiato.
La nostra Città fu obbligata dall’ora duce, a conferire una cittadinanza onoraria che di certo non era per niente sentita.
Questo Consiglio Comunale – continua il consigliere – ha ancora l’opportunità e il dovere morale di cancellare dalle pagine di questa Città una cittadinanza onoraria ad un assassino! Questa mia richiesta, da regolamento non ha le firme necessarie affinché il Presidente del Consiglio convochi entro 30 giorni la seduta richiesta, ma voglio fare un appello a tutti i colleghi consiglieri/e.
La mia richiesta di convocazione è stata spedita al protocollo generale del Comune di Anzio e da domani mattina è sulla scrivania del Presidente del Consiglio. Bastano altre 4 firme affinché la massima assise cittadina venga convocata in tempi strettissimi. Se volete cancellare questa vergogna – conclude Maranesi – andate negli uffici del Presidente e firmate la richiesta di convocazione per discutere l’ordine del giorno che qualche anno fa fu presentato dal collega Luca Brignone. La nostra Città, Medaglia d’Oro al Merito Civile, non può avere tra i suoi cittadini onorari un assassino come Mussolini”.