Home Cronaca Piani di zona sociali: è stallo tra i comuni di Anzio e...

Piani di zona sociali: è stallo tra i comuni di Anzio e Nettuno: a rischio finanziamenti e progetti

186
0

E’ ancora stallo tra i comuni di Anzio e Nettuno sul passaggio di consegne per la gestione dei progetti a favore di disabili nell’ambito dei piani di zona territoriali. Tanto che in consiglio comunale di Anzio il capogruppo del movimento 5 Stelle Rita Pollastrini ha interrogato sia il sindaco Candido De Angelis che l’assessore alle politiche sociali Velia Fontana. La convenzione associata per la gestione dei piani di zona è stata prima deliberata solo dal consiglio comunale di Nettuno, con capofila Nettuno, ma mai passata nel consiglio comunale di Anzio. Poi è stata rimodulata con Anzio capofila, stavolta approvata da Anzio, ma non da Nettuno.
“In questo incredibile ping pong – spiega Pollastrini – il nostro distretto socio sanitario rischia il blocco dei fondi regionali per un settore delicato e essenziale come quello della fragilità sociale, e in alternativa rischia, come più probabile, il commissariamento da parte della Regione Lazio. Il che significherebbe che qualche burocrate gestirà progetti, territorio e fondi al nostro posto.
La risposta del sindaco – continua la capogruppo del movimento 5 Stelle – è stata abbastanza chiara, indicando il problema nello spostamento dei fondi (circa tre milioni) che Nettuno ha nel Fondo Pluriennale Vincolato e che deve girare a Anzio solo al momento del bilancio consuntivo ossia tra molti, troppi mesi e nel frattempo Anzio dovrebbe andare in anticipazioni economiche che non sono fattibili dal punto di vista degli equilibri di bilancio e su questo per onore del vero concordiamo.
Ai cittadini – conclude Pollastrini – poco interessa quale comune sarà il capofila; ho quindi invitato l’amministrazione ad adoperarsi insieme al suo omologo sindaco di Nettuno per risolvere il grave stallo prima di interventi esterni dalla regione Lazio”.