Home Cronaca Una cintura verde per Anzio e Nettuno: la proposta di Brignone e...

Una cintura verde per Anzio e Nettuno: la proposta di Brignone e Taurelli

95
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Intervento congiunto dei consiglieri comunali di Alternativa per Anzio Luca Brignone e del Patto per Nettuno Antonio Taurelli che propongono la realizzazione di una cintura verde che fonda i territori di Anzio e Nettuno.
“È tempo per le nostre amministrazioni di iniziare a collaborare seriamente su tutte le tematiche comuni – scrivono in documento firmato congiuntamente Taurelli e Brignone -. Quelle ambientali, in particolare, non conoscono confini amministrativi. Sogniamo la realizzazione di una rete ecologica che connetta le maggiori aree verdi del territorio, da Torre Astura a sud, alla Pineta della Gallinara a nord, passando per il Bosco di Foglino, la Pineta della Campana, il Bosco dell’Armellino e la Macchia della Spadellata. Questo disegno ecosistemico esiste già nella Rete Ecologica Provinciale approvata nel 2010, si tratta di concretizzarlo.
L’ordine del giorno approvato ieri nel consiglio comunale di Anzio – continua la nota – potrebbe andare in questa direzione, in quanto si chiede un intervento regionale per l’istituzione di ulteriori regimi di tutela in alcune di queste aree e la creazione di un Ente gestore apposito. Sappiamo bene però che la proposta, fatta a due anni dalla conclusione del mandato regionale, difficilmente vedrà la luce. Noi lavoreremo affinché ciò accada, ma al di là di questo, siamo convinti del fatto che le amministrazioni possano e debbano iniziare a realizzare questo disegno con interventi diretti, legati innanzitutto alla salvaguardia e al recupero ambientale di queste aree, spesso soggette problematiche quali l’inquinamento dei fossi, lo sversamento e l’interramento di rifiuti, la mancata accessibilità, il rischio incendi ecc.
Questa cintura verde potrebbe costituire un indispensabile argine al consumo di suolo e alla dispersione insediativa, potrebbe valorizzare il territorio in termini naturalistici, turistici e agricoli. Noi – conclude la nota dei due consiglieri – siamo pronti a lavorare in questa direzione in maniera sinergica, vediamo se le due amministrazioni sapranno fare lo stesso”.