Home Cronaca Nettuno, grande successo per l’evento “Impressioni di Nettuno – Arte, poesia e…...

Nettuno, grande successo per l’evento “Impressioni di Nettuno – Arte, poesia e… quattro chiacchiere in libertà”

20
0
CONDIVIDI
Bergami IMMOBILIARE

Nella giornata di venerdì 17 settembre si è svolto al Forte Sangallo l’evento “Impressioni di Nettuno – Arte, poesia e… quattro chiacchiere in libertà“, organizzato dall’associazione culturale “Memorie Nettunesi“.

Ad aprire l’evento, condotto dalla giornalista locale Katia Farina e con la presenza del Sindaco Alessandro Coppola accompagnato dal consigliere comunale Lorenza Alessandrini, è stata la dedica dell’ente organizzatore a tutte le donne, le quali trasmettono valori e insegnamenti di vita e che in passato hanno aperto la strada al riconoscimento dei diritti e all’emancipazione femminile. Il giovane talento locale, Giorgio Massari, ha declamato invece la poesia di Roberto Colarossi intitolata “Donne nettunesi“, mentre Patrizia Paccariè ha letto alcuni brani dedicati sempre all’universo femminile e tratti dalle opere di Alda Merini e William Shakespeare. A seguire la lettura delle poesie, tutte rigorosamente in dialetto nettunese, dedicate a Nettuno, alla sua storia, al suo mare e alle ricchezze cittadine, composte da Roberto Colarossi, Otello De Santis e Dalia Pietrangelo. Sul palco, insieme agli attori che hanno emozionato il pubblico presente, anche il gruppo “Antiche Nettunesi” coordinato da Assunta De Felice e Gianfranco Rabini dell’Associazione Stella del Mare e il corpo di danza GTS, con le coreografie di Mauro Paccariè che hanno estasiato tutti i presenti tra un componimento e un altro.

Sono nato al Borgo medievale – ha dichiarato il primo cittadino durante la serata – uno come me la nettunesità ce l’ha dentro. Ho un grandissimo amore per questa Città e sono orgoglioso di rappresentarla, per questo mi auguro che i valori e la nostra storia siano trasmessi a tutti, soprattutto alle future generazioni. L’Amministrazione comunale sarà al fianco delle Associazioni e di Memorie Nettunesi affinché le tradizioni vengano valorizzate”.