Home Cronaca Nettuno, chiusura del varco di via Gramsci: flash mob di protesta dei...

Nettuno, chiusura del varco di via Gramsci: flash mob di protesta dei cittadini

349
0

Hanno voluto protestare con un flash mob davanti il palazzo della Divina Provvidenza. E’ l’iniziativa attuata questa mattina da dieci cittadini dopo la decisione del TAR del Lazio di richiudere la discesa a mare al civico 91 che il comune di Nettuno con una delibera di Giunta comunale e un’ordinanza sindacale aveva deciso di riaprire per motivi di sicurezza per consentire ai cittadini di raggiungere agevolmente le spiagge di Ponente tra il Belvedere e i Marinaretti. Poi la doccia fredda della sentenza del TAR che ha dato ragione ai proprietari della palazzina nella quale ricade la discesa a mare.

Presenti al flash mob l’ex sindaco di Nettuno Carlo Conte e l’avvocato Adolfo Bruno che ha presentato un esposto di 850 cittadini – con il quale chiedevano l’apertura di accesso al mare – alla Procura della Repubblica di Velletri che, successivamente, ha aperto un fascicolo. “La vicenda della riapertura del varco al civico 91 è stata gestita in maniera pessima dal Comune – spiega Carlo Conte – E la sentenza del Tar è stata la logica conseguenza. Speravamo che il tribunale entrasse nel merito per la fine dell’estate, ma invece ci ha messo veramente poco per dare ragione ai ricorrenti. Resta il fatto che su questo tratto di litorale ci sono varchi pubblici negli anni privatizzati che il Comune ha l’obbligo di riaprire per consentire l’agevole accesso alla spiaggia ai cittadini”.