Home Cronaca La strage di Ardea: il dolore dei sindaci di Anzio e Nettuno

La strage di Ardea: il dolore dei sindaci di Anzio e Nettuno

637
0

È stata una mattinata dolente per la città di Ardea, a seguito della morte di un anziano e di due fratellini di 3 e 8 anni uccisi a colpi di pistola da un uomo di 35 anni, con problemi psichici, che poi si è suicidato in un villino nella zona del consorzio di Colle Romito.
I sindaci di Anzio e Nettuno, Candido De Angelis e Alessandro Coppola, si stringono nel dolore e porgono le loro condoglianze ai familiari delle vittime.
Non ci sono parole per esprimere il dolore e la sofferenza per quanto accaduto a Colle Romito, a pochi passi da Anzio – ha dichiarato De Angelis – Oggi, nel giorno del nostro Santo Patrono più triste di sempre, siamo tutti cittadini di Ardea.
La Città di Anzio è vicina alla comunità di Ardea, alla famiglia delle tre vittime innocenti della follia umana ed esprime profondo cordoglio per la scomparsa del nonno e dei due nipotini, mentre stavano serenamente giocando in un parco pubblico“.
Quanto accaduto questa mattina ad Ardea è sconvolgente – ha dichiarato, invece Coppola- Non esistono parole che possano dare sollievo e conforto alle famiglie spezzate dal dolore di questa immane tragedia, come non esistono parole per spiegare un gesto così folle e insensato. L’intera comunità nettunese è in lutto per le tre vittime, di cui due bambini innocenti che stavano semplicemente giocando in un’area verde. È con il cuore straziato dal dolore – conclude – che rivolgo le mie condoglianze da parte dell’intera città di Nettuno alle famiglie delle vittime e all’intera comunità ardeatina“.