Home Cronaca Nettuno, guerra per il suolo pubblico: rovesciati due ombrelloni della gelateria Sweet...

Nettuno, guerra per il suolo pubblico: rovesciati due ombrelloni della gelateria Sweet Love su lungomare Matteotti

2022
0

Incredibile episodio questa mattina sul lungomare Matteotti a Nettuno proprio sotto la cinta della Borgo medievale. E’ infatti accaduto che i titolari del ristorante pizzeria che si trova tra il accanto al chiosco del pescatore hanno rovesciato in due diversi momenti gli ombrelloni della gelateria Sweet Love che da alcuni giorni aveva occupato parte della suolo pubblico fino a pochi mesi fa occupato dallo stesso ristorante con i propri tavoli.
La scena del rovesciamento degli ombrelloni è stata ripresa dalle telecamere di controllo della gelateria.
Intorno alle 13 i titolari del ristorante, uno dei quali fratello di un assessore comunale per altro presente al grave fatto, hanno rovesciato uno degli ombrelloni della gelateria che oggi era chiusa per riposo settimanale. Quindi si sono allontanati per poi tornare dopo venti minuti a rovesciare anche l’altro ombrellone. In questo caso le immagini riprendono nuovamente l’assessore che però, in questo caso, quando viene rovesciato il secondo ombrellone si allontana precipitosamente.
Purtroppo – spiega la titolare della gelateria Sweet Love – le immagini riprendono con chiarezza il grave episodio che denunceremo ai carabinieri corredandolo anche con la registrazione delle telecamere di controllo. Un comportamento sconcertante ed inaccettabile considerato che, carte alla mano elaborate dal nostro tecnico, avevamo collocato i nostri ombrelloni dove ci era consentito occupare il suolo pubblico. Certo, ci rendiamo conto di aver invaso parte del marciapiede dove l’anno scorso il ristorante aveva dei tavoli, ma lo scorso anno la passata gestione della gelateria non aveva alcun interesse a mettere i tavoli e quindi ha lasciato loro spazio. Avremmo voluto chiarire in maniera civile la vicenda con i titolari del ristorante – continua la titolare – ma questo non è stato possibile visto l’epilogo dei fatti“.