spiagge libere

Sull’impossibilità a Nettuno di avere una discesa a mare tra il Belvedere e i Marinaretti che consenta ai cittadini di raggiungere agevolmente la spiaggia, è stata presentata in Procura a Velletri dall’avvocato Adolfo Bruno una denuncia per il reato di “omissione e rifiuto di atti di ufficio e per tutti gli altri eventuali reati che il PM ravviserà nei fatti narrati nella denunzia stessa e relativi allegati, chiedendo che, per non far torto a nessuno, venga disposta l’apertura di TUTTE le discese a mare disponibili sul tratto di via Gramsci in questione”.
La denuncia segue una sorta di class action che ha potato a tre raccolte di firme di ben 852 firme di cittadini che richiedono la riapertura di almeno due varchi tra il Belvedere e i Marinaretti.
Nella denuncia di rileva come siano state eluse le promesse in particolare il Sindaco Alessandro Coppola “che ha ricevuto più volte una delegazione di cittadini ai quali – si legge – ha detto sempre e solo verbalmente che avrebbe cercato di risolvere il problema per l’attuale estate 2020, ma senza formalizzare mai nulla per iscritto, come da questi richiesto e come previsto dalla legge 241/90 e dall’art. 33 del Cod. della Navigazione, che obbligano alla formalizzazione di una risposta entro un massimo di 30 giorni”. Per questo è scattata la denuncia alla quale l’avvocato Bruno ha allegato ulteriore documentazione acquisita negli ultimi mesi.