Camarda e D'Aprano

Sulla vicenda di via Sele interviene anche il gruppo consiliare Alleanza Nettunense con una nota congiunta dei consiglieri comunali di Nettuno Tiziana Ginnetti, Mario Esposito, Massimiliano Rognoni, gli assessori Maddalena Noce e Claudio Dell’Uomo e il Segretario cittadino Maurilio Leggieri.
In merito alla decisione della Prefettura, poi rientrata, di trasferire a Nettuno circa 50 persone del centro di accoglienza Casilino – scrivono – vogliamo precisare che la nostra unica preoccupazione era legata all’aspetto sanitario, visto che in provincia di Roma, a seguito dell’emergenza coronavirus stiamo pagando un prezzo altissimo tra positivi e vittime. Per noi, ribadiamo, la nostra unica perplessità era dovuta a tematiche sanitarie. A tal proposito, avevamo chiesto alla Prefettura di effettuare tamponi preventivi a questi ragazzi. Queste erano le nostre motivazioni”.
“Il razzismo non c’entra nulla – precisano – e parlare di ciò significa non capire il problema. Anzi, proprio sulla questione migranti, il nostro Comune già da tempo porta avanti un programma di integrazione, facendo svolgere ai migranti attività utili per il territorio.
Inoltre, è importante precisare che la decisione del trasferimento alla struttura di via Sele non era stata comunicata a nessuno, è stata una scelta calata dall’alto. I cittadini, comprensibilmente, erano preoccupati per tale situazione, e alcuni di noi, dopo aver ricevuto segnalazioni in merito dalla cittadinanza, ieri erano presenti alla protesta soltanto per aprire un dialogo al fine di evitare una decisione, che per motivi sanitari ritenevamo poco opportuna”.
“E soprattutto – prosegue la nota – ieri il nostro obiettivo era quello di trovare una soluzione evitando che la situazione potesse in alcun modo degenerare, poiché in questa fase i cittadini sono comprensibilmente preoccupati ed esasperati. Noi, come facciamo quotidianamente e soprattutto in tale periodo molto complesso, siamo impegnati tutti i giorni, sia dal punto di vista sanitario che lavorando a fianco dei tanti imprenditori che stanno vivendo una situazione particolarmente critica, in vista anche del periodo estivo. Per questo, il nostro impegno primario riguarda la salute pubblica e l’economia locale, che rischia di essere messa in ginocchio. Per il resto, le strumentalizzazioni politiche non ci interessano, perché non aiutano a fornire risposte alle criticità incontrate dai nostri cittadini. Anzi, proprio in tal senso, siamo ben lieti di invitare la capogruppo in consiglio regionale della Lista Zingaretti Marta Bonafoni e il Consigliere regionale di +Europa Radicali Alessandro Capriccioli a venire a Nettuno, proprio per spiegargli, con grande spirito collaborativo, le problematiche e le istanze del nostro territorio. In questo momento – conclude la nota di alleanza Nettunense – c’è bisogno di maggior senso di responsabilità, evitando magari strumentalizzazioni ideologiche che non servono a niente e a nessuno. Noi continueremo a lavorare per la tutela della salute pubblica e per far ripartire l’economia e il nostro tessuto produttivo”.