Home Cronaca Nettuno, vertice sicurezza tra l’assessore Roda e i consiglieri comunali Federici, Alicandri...

Nettuno, vertice sicurezza tra l’assessore Roda e i consiglieri comunali Federici, Alicandri e Taurelli

173
0
Coppola

In seguito ai gravi atti di cronaca che di recente hanno visto due giovani rapinati in pieno centro cittadino da baby gang, i consiglieri comunali di minoranza di Nettuno Antonio Taurelli, Marco Federici e Roberto Alicandri hanno chiesto e ottenuto un incontro che si è svolto questa mattina con l’assessore alla Sicurezza Marco Roda e il comandate della Polizia locale Albino Rizzo.
Sul fronte dell’impegno sulla sicurezza da parte del Comune, è emerso un quadro deficitario. L’amministrazione comunale ha infatti spiegato di avere problemi, per carenza di personale, con la gestione della centrale operativa che monitora le riprese delle telecamere di controllo dislocate sul territorio; in proposito è anche emerso che più d’una telecamera è stata vandalizzata. Come se non bastasse segna anche il passo il completamento del progetto di installazione delle telecamere di controllo su tutto il territorio comunale.
Davanti ad un quadro incerto, i consiglieri di opposizione hanno comunque lanciato delle proposte costruttive per cercare di trovare soluzioni in grado di dare una risposta concreta al bisogno di sicurezza. E’ stata quindi concordata con l’assessore Roda la convocazione, in tempi brevi, di un tavolo tecnico di sicurezza con le forze dell’ordine per coordinare e pianificare una strategia di controllo del territorio finalizzata a prevenire episodi di cronaca come quelli di tre giorni fa.
E’ stato anche concordato di portare il dibattito in consiglio comunale con una mozione e di coinvolgere la Prefettura di Roma. Sul fatto che l’organico della Polizia locale sia sottonumerato i consiglieri Federici, Taurelli e Alicandri hanno proposto al comune di utilizzare le persone – sono tante – che a Nettuno fruiscono del reddito di cittadinanza in alcune incombenze come quella delle vigilanza davanti alle scuole. Un impegno oggi svolto dalla Polizia locale che, dunque, liberata da questo compito potrebbe essere utilizzata più proficuamente nel controllo del territorio.