Home Cronaca Anzio, recupero del Paradiso sul mare: convocato tavolo tecnico tra le Istituzioni...

Anzio, recupero del Paradiso sul mare: convocato tavolo tecnico tra le Istituzioni preposte

346
0
paradiso sul mare

Una conferenza dei servizi tra le Istituzioni preposte (Comune, Sopritendenza, Area Metropolitana, Ufficio Scolastico Regionale) per cercare, insieme, una soluzione che ponga fine allo stato di profondo degrado in cui versa lo splendido edificio in stile liberty di Anzio, il Paradiso sul mare. A fissarla – per giovedì 30 gennaio alle 10 – è l’Amministrazione comunale di Anzio che ha invitato gli uffici preposti della Città Metropolitana Roma Capitale, la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, l’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e il Dirigente dell’Istituto Scolastico ‘Marco Gavio Apicio‘, fino a poco tempo ospitato nell’edificio voluto negli anni ’20 dall’ingegner Polli, destinato ad accogliere un Casinò. A tutela della pubblica incolumità e della popolazione scolastica, il 30 marzo dell’anno scorso il sindaco Candido De Angelis aveva firmato una ordinanza contingibile ed urgente per la chiusura del Paradiso sul mare.

“Visto lo stato di pericolo e il progressivo deperimento dell’immobile, – scrive il Sindaco, Candido De Angelis, nella sua missiva indirizzata agli Enti competenti –  tale da indurre all’adozione di un’ordinanza urgente, richiedo un incontro che verterà sulla rendicontazione degli interventi manutentivi effettuati al fine di conservare il bene, sulla programmazione degli interventi di competenza per la messa in sicurezza dell’immobile e sulla pianificazione delle modalità di fruizione ed utilizzo dell’edificio. Trattandosi di un obiettivo prioritario per l’Amministrazione, proprietaria del Paradiso sul Mare, bene storico, culturale e simbolico della città si confida nella responsabile partecipazione di tutte le Istituzioni preposte”. In attesa dell’esito della Conferenza dei servizi, in questi giorni sono partite indagini ed accertamenti sulla staticità dell’edificio e sulla sua vulnerabilità sismica. La Città Metropolitana di Roma Capitale ha infatti pubblicato un bando di gara al fine di affidare i servizi sul controllo sismico per avere finalmente un quadro specifico delle condizioni in cui versa lo storico edificio in stile liberty.