Home Cronaca Regolamento Unicivica Sacchi, nessun titolo per il presidente del cda

Regolamento Unicivica Sacchi, nessun titolo per il presidente del cda

282
0

La Commissione cultura ha approvato all’unanimità, anche con il voto del consigliere di opposizione del Movimento 5 Stelle Mauro Rizzo, il nuovo regolamento dell’università civica “Andrea Sacchi” che ora dovrà passare alla ratifica del consiglio comunale. Tra le modifiche spicca la rinuncia a tutti i titoli previsti nello statuto per il presidente del consiglio di amministrazione: il futuro presidente del cda potrà non essere laureato, non avere competenze in ambito culturale, non essere docente in scuole superiori o nell’università, non aver lavorato a delle pubblicazioni. Che erano invece i requisiti indicati chiaramente nello Statuto. Insomma, il futuro presidente del cda della “Sacchi” potrà essere chiunque. Le competenze non serviranno. Basta la politica. Per quanto riguarda il direttore dell’Unicivica il nuovo regolamento prevede che possa essere individuato tra il personale comunale o anche all’esterno.

Mentre la Commissione cultura lavora al nuovo regolamento, l’università civica “Andrea Sacchi” continua a non avere il direttore. Ormai è un anno. Il nuovo cda è costituto, mentre il direttore è vacante. In realtà il direttore ci sarebbe anche: si tratta di Chiara Di Fede che – dopo essere stata allontanata dal Commissario Bruno Strati nel febbraio dello scorso anno – ha presentato la domanda per il nuovo avviso ed è arrivata di nuovo prima. La Giunta comunale ha anche preso atto della graduatoria, ma fa finta di niente e non procede alla sua nomina considerato il ricorso al Tribunale del Lavoro – che si esprimerà ad aprile – presentato dalla stessa Di Fede proprio per il suo allontanamento dall’Unicivica.