CONDIVIDI

Le defezioni della maggioranza nelle commissioni consiliare ricompatta tutta la minoranza in consiglio comunale compresi i due consiglieri del Movimento 5 Stelle. In un nuovo duro documenti i consiglieri Waldemaro Marchiafava, Daniele Mancini, Mauro Rizzo, Enrica Vaccari, Roberto Alicandri, Marco Federici, Antonio Taurelli, Simona Sanetti e Luigi Carandente sono tornati a criticare il sindaco Sandro Coppola per una situazione politica sempre più esplosiva.
Oggi saltano nuovamente due commissioni – scrivono le opposizioni – per mancanza del numero legale dei consiglieri di maggioranza su questioni che Sandro Coppola nell’ultimo Consiglio Comunale aveva definito prioritarie spiegando che ogni singolo esponente della maggioranza è il primo responsabile del proprio comportamento e altrettanto vale per l’opposizione. Informiamo il Sindaco Coppola – continua l’opposizione – che, sia questa mattina sia nel pomeriggio la ‘sua’ maggioranza non è stata autosufficiente per deliberare in maniera autonoma, così come lui stesso ha scritto nel suo comunicato. Ha ragione il Sindaco quando afferma in maniera perentoria che “non è certamente l’opposizione che può dare a chi governa la misura del valore del proprio operato”. Assegni, Lei, Coppola, il valore alla giornata di oggi al fine del lavoro per la città”.
“Certamente le possiamo dire che i Consiglieri Comunali sono eletti dal popolo è solo ed unicamente al popolo devono rispondere e a nessun altro. Neanche al Sindaco.
Non saremo a disposizione di nessuno – concludono i nove consiglieri – e complici di fini e modi che non appartengono a noi e al nostro elettorato. Neanche per una poltroncina e alzata di mano ben ricompensata”.