Dopo il successo dello scorso anno della “Ciclopedalata Anzio – Normandia”, quest’anno l’associazione culturale “Pedalando nella Storia – Maurice Garin” ha organizzato in occasione del 76° anniversario dello Sbarco un’altra manifestazione cicloturistica denominata “Cicloavventura dallo Sbarco in Sicilia allo Sbarco di Anzio”. Questo per ricordare i tre celebri sbarchi aeronavali che segnarono le sorti della Seconda Guerra Mondiale: Sicilia, Salerno e Anzio. Saranno venti i ciclisti che attraverseranno mezza Italia in bicicletta pedalando ben 950 chilometri circa. La partenza è prevista per il 16 gennaio dal Cimitero Militare Britannico di Siracusa fino ad arrivare il 22 gennaio pomeriggio al Museo dello Sbarco di Anzio. Lasciata Siracusa le tappe saranno Messina, Amantea, Marina di Camerota, Salerno, Cassino, il Sacrario Militare di Mignano Montelungo, il Cimitero Americano di Nettuno e il Museo dello Sbarco di Anzio dove qui i ciclisti verranno accolti dal presidente Patrizio Colantuono, dal sindaco Candido De Angelis e dalle autorità locali. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio dell’American Battle Monuments Commission, del Commonwealth War Graves Commission, del Museo dello Sbarco di Anzio, del Parco della Memoria della Campania, del Museo dello Sbarco e Salerno Capitale, del Comune di Anzio, del Comune di Nettuno e del Comune di Salerno. “Dopo quella dello scorso anno con la partenza da Anzio e l’arrivo in Normandia, sono contento che l’associazione abbia pensato anche a quest’altra iniziativa che va ad unire simbolicamente i luoghi dello Sbarco della Seconda Guerra Mondiale – ha detto Patrizio Colantuono – e saremo lieti di accogliere l’arrivo dei ciclisti nel nostro museo e celebrare la conclusione di questa bella iniziativa