Home Eventi Anzio, presentata la tela dell’Annunciazione di Arquata del Tronto restaurata con il...

Anzio, presentata la tela dell’Annunciazione di Arquata del Tronto restaurata con il contributo della Colgate Palmolive

11
0
SHARE

Nella sala conferenze della Colgate Palmolive ad Anzio è stata presentata questa mattina al pubblico il dipinto restaurato dell’Annunciazione, la grande pala che abbelliva la chiesa della Santissima Annunziata di Arquata del Tronto, il paesino in provincia di Ascoli Piceno distrutto nel terribile terremoto dell’agosto del 2016. Sotto le macerie della chiesa, che risale al XVI secolo, era rimasta la tela che adornava la navata centrale della chiesa. La pala è stata restaurata grazie al contributo dei dipendenti dello stabilimento che è stato poi raddoppiato dalla direzione della Colgate Palmolive di Anzio. L’impegno economico ha consentito il restauro dell’opera che, sepolta sotto quintali di macerie, sembrava persa. Come ha ben spiegato il direttore dello stabilimento ingegner Michele Patete, l’intervento è stato il risultato della sinergia tra più parti: non solo la Colgate Palmolive, ma anche il comune di Arquata, l’Università di Camerino, il Nucleo tutela beni storici dei carabinieri, la Diocesi di Ascoli Piceno, la società di restauro che ha eseguito l’intervento che ha ridato vita al dipinto dell’Annunciazione.

“Una collaborazione tra più parti che è risultata decisiva per raggiungere questo obiettivo – ha detto la professoressa Graziella Roselli dell’Università di Camerino – Ma questo è solo un piccolo risultato considerato che ci sono tante altre opere danneggiate dal terremoto che dovranno essere restaurate”. Un progetto, come ha spiegato l’ingegner Patete, nato quasi per caso. “Eravamo nel 2017 l’anno che celebravamo i sessanta anni della Colgate Palmolive ad Anzio – ha raccontato il direttore dello stabilimento – e con dei vecchi amici di liceo ragionavo su un’iniziativa da intraprendere per celebrare questo importante ricorrenza. E proprio ragionando con loro e soprattutto con Graziella Roselli è nata l’idea di fare in modo che la Colgate Palmolive finanziasse il restauro di una delle opere danneggiate nel terremoto. E la scelta è caduta sulla tela dell’Annunciazione di Arquata del Tronto. A quel punto ho coinvolto i dipendenti del nostro stabilimento che hanno dato con entusiasmo il loro contributo che è poi stato raddoppiato dall’azienda. Debbo ringraziare tutti i dipendenti che hanno creduto in questo progetto e si sono prodigati affinché si realizzasse”.

Quindi il direttore dello stabilimento ha lanciato un nuovo progetto: raccogliere altri contributi per ridare vita ad un’altra delle opere d’arte danneggiate nel terremoto. Fino alla fine dell’anno sarà possibile ammirare la tela restaurata presso il museo diocesano di Albano Laziale. Alla manifestazione di questa mattina sono intervenuti il vescovo della Diocesi di Albano Laziale monsignor Marcello Semeraro, l’incaricato della Diocesi di Ascoli Piceno per i Beni culturali don Elio Nevigari, i sindaci di Anzio e Nettuno Candido De Angelis e Alessandro Coppola, un rappresentante del comune di Arquata del Tronto, il comandante della Compagnia carabinieri di Anzio maggiore Lorenzo Buschittari, il dirigente del Commissariato di polizia di Anzio Andrea Sarnari e il comandante della Compagnia della Guarda di Finanza di Nettuno capitano Ambrogio Di Napoli.

Un momento della presentazione della tela restaurata dell’Annunciazione di Arquata del Tronto