SHARE

2.2 milioni di euro vincolati per far quadrare il bilancio del comune di Nettuno e 3,1 milioni di euro che non si sa con precisione come sono stati spesi da Nettuno che è comune capofila per l’attuazione dei piani di zona. E’ l’epilogo dell’incontro tenutosi questa mattina tra i sindaci Candido De Angelis e Sandro Coppola, gli assessori ai servizi sociali Velia Fontana e Maddalena Noce e i rispettivi dirigenti delle aree servizi sociali e bilancio. Un incontro richiesto dal comune di Anzio proprio per fare chiarezza sull’impegno del fondo a favore della politica sociale da attuare sul territorio che negli ultimi anni è stata finanziata con un flusso costante di contributi dalla Regione Lazio fino a concorrere ad una cifra di poco superiore ai 5,3 milioni di euro.

E durante la riunione è risultato che da quel fondo mancano all’appello 2,2 milioni di euro. Nessuno li ha rubati, sia chiaro: il fatto è che tra i 2016 e il 2017 sono stati vincolati per far quadrare i bilanci del comune di Nettuno: comunque sottratti allo sviluppo di progetti per il sociale al quale erano destinati. Tanto è vero che questo punto il sindaco Coppola si è impegnato a svincolare quella cifra in tre rate: 800 mila euro nel 2020, altri 800 mila nel 2021 e 613,704 euro nel 2022.

L’altro aspetto negativo è che dei restanti 3,3 milioni di euro del fondo destinato ai piani di zona, il comune di Nettuno non è stato in grado di presentare una rendicontazione dei progetti finanziati, rimandando questo chiarimento a mercoledì prossimo.  Almeno in questo caso sembra che buona parte della cifra sia stata impegnata in progetti che riguardano l’assistenza domiciliare, l’affido famigliare, il disagio abitativo, la tutela dei minori, il sostegno all’affitto, l’assistenza ai tossicodipendenti. Ma su questi progetti durante la riunione il comune di Nettuno non è comunque stato in grado di presentare la rendicontazione richiesta dal sindaco De Angelis. Che a quel punto ha espressamente chiesto che il comune di Anzio torni ad essere comune capofila dei piani di zona dal 2021.