Home Cinema La Favorita, la proposta di oggi de “La Dolce Vita”

La Favorita, la proposta di oggi de “La Dolce Vita”

8
0
SHARE

LA FAVORITA è una commedia sferzante, grottesca e pungente che racconta la Londra di corte, i sentimenti umani più ancestrali, la lotta per la sopravvivenza, il sesso e il potere. Merito della pièce di Deborah Davis, scritta per la Bbc e rielaborata da Tony McNamara, di un’ambientazione in costume magistrale, di tre protagoniste in stato di grazia. Il regista 45enne greco Yorgos Lanthimos, l’Autore di “The Lobster” (2015) e “Il sacrificio del cervo sacro” (2017), riesce nella difficile impresa di mantenersi fedele alla vocazione per un cinema feroce e provocatorio, realizzando un film d’autore eppure carico di candidature agli Oscar 2019. Specchio delle mie brame, chi è la “favorita” del reame? Scelta difficile se le opzioni si chiamano Emma Stone e Rachel Weisz, belle e assetate di potere. Ma la loro regina – la debole e dolente Queen Anne di una suprema Olivia Colman – ha bisogno dell’amore di entrambe, e allora largo alla sfida feroce. Yorgos Lanthimos applica la sua visione nichilista ad un trio tutto al femminile e a una società teatro di sanguinosi conflitti di classe. E proprio perché il contesto e le tre protagoniste hanno motivi condivisibili per essere spietate, la storia esce dall’astrazione metafisica che aveva caratterizzato i lavori precedenti del regista. L’unica donna che conta, qui, è la regina, ma questo non la sottrae alle logiche del potere declinato al maschile, che si esprime al grado zero con l’ennesima guerra.

LA FAVORITA è stato presentato in Concorso al 75° Festival cinematografico di Venezia, dove ha meritato il Leone d’argento e la Coppa Volpi per Olivia Colman. È stato poi candidato, nel 2019 a 10 Premi Oscar (vincendo solo quello come Migliore Attrice a Olivia Colman).

LA FAVORITA sarà proiettato Lunedì 3 giugno, nell’ambito della 28ma edizione della Rassegna “Invito al cinema”, presso il Cinema Moderno Multisala di Anzio, agli orari: 16,15 – 18,15 – 20,15.

a cura de “La Dolce Vita”